Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il James Webb Telescope è finalmente pronto ad abbracciare l’universo

Gli astronomi aspettano da 30 anni: il James Webb Telescope, il più grande e potente mai andato nello spazio, è finalmente pronto per raggiungere le stelle.

© AFP / Il telescopio James Webb seguirà le orme del leggendario Hubble

la sua missione? Torna alle origini dell’universo ed esplora pianeti extrasolari simili alla Terra. Questo fine settimana – il lancio è stato posticipato al 25 dicembre, secondo un annuncio della NASA martedì – il telescopio di punta dell’agenzia spaziale statunitense seguirà le orme del leggendario Hubble, con l’ambizione di far luce sull’umanità su queste domande . chi la tormenta: Da dove veniamo? e “Siamo soli nell’universo?”‘”, ha riassunto Amber Straugen, un’astrofisica della NASA, in una conferenza stampa all’inizio di dicembre.

Immaginato nel 1989, il “JWST” (James Webb Space Telescope, dal nome di un ex comandante della NASA) è stato sviluppato con l’aiuto dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e del Canada (ESC) per i suoi strumenti. Innumerevoli problemi di sviluppo hanno portato a numerosi ritardi nel suo lancio pianificato negli anni 2000 e a quasi triplicare il costo, che oggi si avvicina ai 10 miliardi di dollari.

Prodotto negli Stati Uniti, in autunno raggiunge finalmente Kourou nella Guyana francese, dove un razzo Ariane 5 lo spingerà nello spazio.

Rivoluzione

« C’è tanta eccitazione, stavamo aspettando questo momento da tanto tempo”., è stato assegnato a Pierre Feruette, co-presidente scientifico del telescopio presso l’Agenzia spaziale europea. Per diverse migliaia di scienziati e ingegneri, questo compito rappresenta il grosso della sua carriera.

I ricercatori, infatti, si accalcano al cancello: ” Il tempo di osservazione è molto competitivo: solo nel primo anno di attività, l’Agenzia spaziale europea ha ricevuto più di 1.000 offerte., Lui dice. Tale aspettativa dimostra che ” Anche dopo 20 anni, le domande per le quali Webb è stato costruito rimangono rilevanti”.

questo ” osservatorio generaleIneguagliabile per dimensioni e complessità, ha un enorme specchio, composto da 18 esagoni, con un diametro di 6,5 metri, quasi tre volte il diametro di Hubble. È così grande che deve essere piegato per adattarsi alla forma di un razzo, come un origami. Una volta nello spazio, la sfida sarà quella di dispiegare completamente il suo specchio e la sua crema solare, delle dimensioni di un campo da tennis, prima di calibrare i suoi quattro strumenti.

READ  Samsung Galaxy S20 FE 5G riceverà un aggiornamento di sicurezza a gennaio 2022

il ” mostro “ Verrà messo in orbita attorno al Sole, a 1,5 milioni di km dalla Terra, lontano dai confini del fratello maggiore, che opera a 600 km di altitudine dal 1990. Questa destinazione, accuratamente scelta, chiamata Lagrange Point 2, gli assicura della posizione” Con la terra, il sole e la luna dalla stessa parte dell’aletta parasole, che la rende buia e molto fredda”Spiegato da Pierre Ferrouet.

Sarà in grado di funzionare senza disturbi, prerequisito per l’acuità visiva, diffusa nel campo infrarosso: una lunghezza d’onda invisibile ad occhio nudo che Hubble non può vedere.

ape sulla luna

« È così potente che se fossi un drone a 380.000 chilometri da qui, ovvero la distanza tra la Terra e la Luna, potremmo vederti”Secondo il cosmologo John Mather, uno dei padri scientifici della spedizione. Così, JWST sarà in grado di catturare il debole sfarfallio emesso dalle prime galassie e dalle loro prime stelle in formazione. È successo tanto tempo fa, e quindi tanto tempo fa.

Laddove Hubble è stato in grado di osservare l’universo fino a 500 milioni di anni dopo il Big Bang, il suo successore può sperare di tornare indietro di 200 milioni di anni”. Solo “ Dopo l’esplosione che ha dato vita all’universo, 13,8 miliardi di anni fa. C’è un enorme divario per comprendere questo periodo misterioso in cui l’universo stava appena emergendo dai suoi secoli bui. ” Ci mancano alcuni paragrafi chiave in questo primo capitolo della storia”.Analisi di Amber Straughn.

Il telescopio farà anche un grande passo avanti nell’esplorazione di esopianeti in orbita attorno a stelle diverse dal Sole. Sono elencati quasi 5.000, alcuni in aree abitabili, né troppo vicini né troppo lontani dalle loro stelle. Ma non sappiamo molto di loro. Il telescopio JWST deve caratterizzare con successo la sua atmosfera per rilevare potenziali particelle come il vapore acqueo. L’obiettivo finale è scoprirlo Se la nostra Terra è unica o se esistono pianeti simili”, dove le condizioni sono favorevoli all’emergere della vita, come la presenza di acqua liquida, spiega Pierre Ferrouette.

READ  L'app estrae informazioni e denaro dai server russi