Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il fossile di un antichissimo rappresentante degli uccelli disturba la sua storia evolutiva

janavis finale. Roccia olivastra

Dotato di denti e palato mobile, questo dinosauro moderno era molto vicino ai nostri uccelli moderni.

67 milioni di anni fa, la maggior parte degli uccelli aveva i denti. E alcuni di questi uccelli del Cretaceo potrebbero essere molto più vicini di quanto pensassero gli esperti ai loro discendenti che vagano oggi nei nostri cieli, ultimi rappresentanti dei dinosauri, che hanno dominato il mondo fino alla terribile crisi del Cretaceo-Terziario, causata dalla caduta di un meteorite sullo Yucatan Penisola.

Ma ciò che si sa sull’origine evolutiva dei nostri uccelli moderni può essere contestato dal fossile di un antico uccello, soprannominato janavis finale, recentemente scoperto in Belgio (Natura, 30 novembre 2022). Il lavoro svolto sull’esemplare mostra che gli uccelli che si pensava antichi sarebbero in realtà uccelli moderni, e viceversa.

Gli uccelli moderni (noti come “Neurinthes”) sono divisi in due grandi gruppi di numero disuguale. Il primo gruppo, chiamato neognati, è il più comune; Sono anche piccioni, gabbiani e aquile, …

Questo articolo è riservato agli abbonati. Ti resta l’80% da scoprire.

Spingere indietro i limiti della scienza è anche libertà.

Continua a leggere il tuo articolo a € 0,99 per il primo mese

Sei già iscritto?
registrazione

READ  La Niña, che influisce sul clima di parte del mondo, influirà sul manto nevoso questo inverno