Giugno 1, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il fallimento del secolo – La Libre

È il fallimento del secolo! Mentre Vladimir Putin ha ordinato l’invasione dell’Ucraina per evitare che cada in grembo all’Occidente e in grembo alla NATO, un anno dopo la Finlandia ha abbandonato tre decenni di non allineamento e ha passato armi e bagagli alla NATO.

L’impulso che ha mosso i finlandesi è abbastanza comprensibile: il suo grande vicino russo sta alimentando ancora una volta un’ambizione imperiale e intende unire una parte del mondo basata sui valori degli autocrati piuttosto che su quelli dei democratici.

La Finlandia aderisce alla NATO senza ostilità nei confronti della Russia

I finlandesi, che lo scorso maggio hanno votato in un sondaggio con il 76% per l’adesione alla NATO, non hanno dimenticato la guerra nazionale invernale del 1939-1940, né le molestie elettroniche e la disinformazione che hanno subito dalla Russia negli ultimi anni. È chiaro che hanno scelto il campo delle democrazie.

Questo fallimento strategico di Vladimir Putin non dovrebbe essere preso con arroganza. Perché niente è più pericoloso di un animale ferito. Il presidente russo conserva il potere di distruggere. Non è completamente isolato nel mondo. La Russia è un grande Paese che copre parte dell’Europa e dell’Asia e tocca il continente americano.

“Giornata storica”, “L’unica cosa per cui possiamo ringraziare Putin”: la Finlandia diventa ufficialmente membro della NATO

Siamo entrati nella logica del confronto e dell’abbandono dei trattati e delle sanzioni sul disarmo. Viviamo in una seconda Guerra Fredda e sarà necessario, attraverso la diplomazia, a un certo punto tirarci fuori. La priorità è porre fine alla guerra in Ucraina, che porta solo alla perdita di vite umane, al disastro e alla rovina. Questa è una carta che la Cina può giocare fino a quando non farà causa comune con la Russia, come ci ha ricordato martedì l’alto rappresentante europeo Josep Borrell.

READ  Ecco tutti i colori previsti

Nel frattempo, gli Alleati tengono aperte le porte della NATO. La Svezia è attesa il prima possibile. Né l’Ungheria né la Türkiye dovrebbero impedire tale adesione. Le loro motivazioni – oscure nel caso dell’Ungheria, comprensibili nel caso della Turchia – non danno luogo a sfida, né alla prevalente solidarietà all’interno della NATO.