Agosto 11, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il direttore di Amnesty Ucraina si dimette dopo che un rapporto di ONG ha condannato Kiev

Amesty International accusata di mettere in pericolo i civili per respingere l’invasione russa. Un rapporto che “sembra supportare la propaganda russa” ha lamentato Oksana Pokalchuk, che si è dimesso.

Tempo di lettura: 3 minuti

IlIl direttore di Amnesty International per i diritti umani in Ucraina, Oksana Pokalchuk, si è dimesso in risposta alla pubblicazione di un rapporto giovedì che condanna l’esercito ucraino, che l’organizzazione accusa di mettere in pericolo i civili per respingere l’invasione russa, ha riferito l’agenzia di stampa Reuters. Ho segnalato sabato. “Il modo in cui è scritto questo rapporto sembra supportare la propaganda russa”, ha detto.

L’ufficio ucraino dell’Ong ha ripetutamente sottolineato, inutilmente, con la gerarchia che il rapporto di Amnesty International era di parte e dovrebbe tenere conto della posizione del ministero della Difesa ucraino, ha scritto su Facebook venerdì sera la signora Pokalchuk. “Cercando di proteggere la popolazione civile, questo rapporto è nell’interesse della propaganda russa”, ha affermato.

In questo rapporto pubblicato dopo un’indagine di quattro mesi, l’Ong accusa l’esercito ucraino di creare basi militari in scuole e ospedali e di aver lanciato attacchi dalle aree popolate, una tattica che viola il diritto umanitario internazionale. “Mi addolora ammetterlo, ma non siamo d’accordo con la gestione dell’IA su determinati valori. Ecco perché ho deciso di lasciare l’organizzazione”, afferma Oksana Pokalchuk.

Di fronte alle critiche ucraine, la segretaria generale dell’ONG, Agnes Callamard, ha dichiarato venerdì che il governo non aveva risposto a una richiesta di reazione o commento prima della pubblicazione del rapporto. “Le pratiche militari ucraine non giustificano in alcun modo le sistematiche violazioni del diritto internazionale umanitario da parte della Russia”, ha affermato. Ignorare gli abusi da parte di una parte privilegiata rispetto all’altra non sarà un modo per ritenere responsabili i diritti umani. »

Secondo Oksana Pokalchuk, su insistenza della sua squadra, Amnesty ha finalmente inviato una “richiesta al Ministero della Difesa” ma “ha avuto pochissimo tempo per rispondere”. “Se non vivi in ​​un Paese invaso dagli occupanti che lo dividono, probabilmente non capisci cosa significhi condannare un esercito di difensori”, ha concluso il capo di Amnesty Ucraina.



Per il presidente Volodymyr Zelensky, Amnesty ha invertito i ruoli, facendo della “vittima l’aggressore” e accusando la ONG di “creare un equilibrio sbagliato tra l’oppressore e la vittima, tra uno stato che ha distrutto centinaia e migliaia di civili, città, terre e un Paese che si difende ferocemente”.

READ  Bambina di 9 anni salva la vita dei suoi genitori grazie a Face ID: "Era così spaventoso"