Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il destino di dieci attivisti italiani di estrema sinistra che cercano i diritti di Roma dovrebbe finire

La Corte d’Appello di Parigi si pronuncerà mercoledì 29 giugno sulle richieste di espulsione contro dieci ex attivisti di estrema sinistra italiani che hanno cercato rifugio in Francia dagli anni ’70, ’80 o ’90. Tuttavia, è possibile che la sala d’inchiesta competente per il ruling non si pronuncerà e non ordini ulteriori informazioni, come già fatto in diverse occasioni nell’autunno del 2021 e nell’inverno del 2022. Dice che il governo italiano ha utilizzato questi militanti per attività terroristiche per molti anni dal 1970 al 1980, gli anni principali; Ottenuti in Francia con la cosiddetta “Dottrina Mitterrand”, cercarono rifugio in cambio dell’abbandono della lotta armata.

Per la prima volta dall’avvio del procedimento, iniziato nella primavera del 2021, la Corte d’Appello ha esaminato tra il 23 marzo e il 15 giugno gli arresti di questi attivisti, da tempo stabiliti in Francia con mandato d’arresto europeo. Roma ha riportato la situazione di otto uomini e due donne di età compresa tra 61 e 78 anni. Alcuni dei dieci italiani hanno scelto di parlare davanti ai giudici del processo. Non è stato il caso di Giorgio Pietrostefani, un richiedente asilo italiano anziano di 78 anni arrivato in Francia nel 1975, ma mai apparso per motivi di salute.

leggi di più: L’articolo è riservato ai nostri iscritti Eric Willard: “Deportare i rifugiati politici italiani è una pratica passiva”

Lo sottolinea l’avvocato Irène Terrel, che sta difendendo questi sette italiani“Due ulteriori informazioni vengono raramente pronunciate dalla corte. È una testimonianza dell’innocenza delle autorità repressive, mentre esageriamo., È infastidita. Gli Avvocati generali hanno chiesto chiarimenti su testi relativi a fascicoli mancanti, implicazioni, traduzioni o documenti pratici.

READ  Dots celebra il genio italiano

Uno dei principali problemi legali con le rivendicazioni italiane è la loro riluttanza. La legge italiana è entrata in vigore nel 2014 in accordo con le sentenze della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU). In precedenza, la legge non prevedeva un nuovo processo se rientrava nella sua giurisdizione da un delinquente. La mancanza. Ma nel caso di tutti i profughi italiani in Francia, ci sarebbe un’applicazione reazionaria di questa legge, il cui caso è molto precedente.

leggi di più: L’articolo è riservato ai nostri iscritti Me Irène Terrel, storica degli ex reggimenti italiani, avanza ancora

“Divisione umanitaria”

In alcuni casi, la Corte d’Appello, già richiesta in passato, ha pronunciato parere favorevole al passaggio di consegne negli anni ’90 o 2000. “Il governo francese ha quattro mesi per eseguire l’esecuzione [la décision d’extradition]E avere due mesi per attaccare lo stato esigente [une non-exécution devant le juge administratif] », Spiega M.e Terrell. Se non si fa nulla, il caso è chiuso, l’avvocato lo considera uno dei migliori esperti di diritto dell’estradizione in Francia. Occorre giustificare un nuovo passaggio di consegne, insiste l’avvocato che sono emersi fatti nuovi. “Ma non è così.”Lei crede.

Dovresti leggere il 39,88% di questo articolo. I seguenti sono solo per gli abbonati.