Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il colosso italiano degli idrocarburi Eni si dichiara disposto a pagare 20 milioni di euro per la fornitura di gas russo.

Il colosso italiano degli idrocarburi Eni ha dichiarato lunedì di essere disposto a pagare una garanzia di 20 milioni di euro per impedire il taglio delle forniture di gas russo all’Italia attraverso l’Austria annunciato da Gazprom.

Gazprom avrebbe dovuto dare una garanzia in contanti al vettore che portava gas dall’Austria all’Italia per spedire il gas, che prima non c’era e il blocco è stato causato dal mancato pagamento di Gazprom.“Lo ha detto l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi a margine di una conferenza a Roma”.Quindi ora vediamo se possiamo prendere il sopravvento“E paga al vettore austriaco una garanzia di 20 milioni di euro invece di Gazprom”, ha sperato. “Il problema sarà risolto questa settimana”.

“Il divieto non è dovuto a ragioni geopolitiche”

“LIl suo blocco non era puramente geopolitico“, assicurò M. Descalzi.”È difficile immaginare che un’azienda disposta a pagare in rubli possa garantire una colonna in euro.“, Ha aggiunto.

Gazprom ha interrotto completamente le forniture di gas a Eni sabato “È impossibile trasportare gas attraverso l’AustriaA causa delle nuove norme entrate in vigore dal 1 ottobre.

La maggior parte del gas russo fornito all’Italia passa attraverso l’Ucraina, attraverso il gasdotto TAG, arrivando a Tarvisio, nel nord del Paese, al confine con l’Austria. Sig. Secondo Descalzi, prima della sospensione riceveva circa 20 milioni di metri cubi di gas russo al giorno, ovvero “Ambiente 9-10%Prima dell’invasione russa dell’Ucraina a febbraio, le sue importazioni di gas erano del 40%.

La disponibilità di gas non è un problema

Da fine settembre, l’Italia”Sta raggiungendo il suo obiettivo di risparmio di gas del 90%” e “sta per aumentarlo“Lo ha sottolineato domenica il ministro del cambiamento climatico Roberto Cingolani. In Italia non c’è problema con la disponibilità del gas perché”Attualmente esportiamo da 18 a 20 milioni di metri cubi”. al giorno e “Ci sono più di 40 milioni di metri cubi per lo stoccaggio“, Ha aggiunto.

READ  L'italiana ENI e la britannica BP firmano un accordo sul gas