Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il bombardamento di Istanbul: cosa sappiamo dell’attentatore

Oggi, lunedì, le autorità turche hanno accusato il Partito dei lavoratori del Kurdistan di responsabilità per l’attacco che domenica ha ucciso almeno sei persone e ferito decine di persone nella commerciale Istiklal Street di Istanbul e hanno annunciato l’arresto di una donna, secondo quanto riportato. La polizia ha ammesso di aver piazzato la bomba.

L’identità dell’attentatore

Secondo la polizia turca, la giovane donna, Elham Al-Bashir, è di nazionalità siriana. Ha riconosciuto i fatti e ha agito “su ordine del PKK”, oltre a ricevere istruzioni in tal senso a Kobani, nel nord-est della Siria.

I media turchi hanno riferito di aver ricevuto una formazione nei servizi di intelligence del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

La polizia ha detto che sarebbero entrati illegalmente in Turchia attraverso Afrin, una città nel nord-est della Siria controllata dai soldati turchi e dalle loro controparti siriane.

Al momento del suo arresto, ha detto il ministro dell’Interno turco, si stava preparando a “fuggire” in Grecia, l’odiata vicina di Ankara.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva menzionato, domenica sera, quando non era ancora stata arrestata, il “ruolo di una donna” nell’attacco.

Come hai commesso l’attacco?

Domenica, il ministro della Giustizia Bekir Bozdag ha detto che le riprese delle telecamere a circuito chiuso mostravano una “borsa” su una panchina sulla scena dell’attacco.

“Una donna si è seduta su una panchina per 40-45 minuti e dopo un minuto o due c’è stata un’esplosione”.ha detto.

“Se questa borsa ha un timer o qualcuno la attiva a distanza”, Ha aggiunto.

La polizia turca ha dichiarato lunedì che il dispositivo utilizzato nell’attacco era del tipo “TNT ad alta resistenza”.

READ  Urla su Airbnb: la 'capanna degli schiavi' si trasforma in 'luogo di vacanza di lusso' | Globalismo

Come è stata arrestata?

La giovane è stata arrestata con alcuni sospetti in un appartamento a Kucukcekmece, alla periferia di Istanbul.

Secondo la polizia turca, ha preso un taxi per lasciare il luogo dell’attacco e si è recata prima nel popolare quartiere di Esenler a Istanbul.

Dopo aver riconosciuto il taxi in cui si trovava, la polizia l’ha rintracciata.

In un video condiviso dalla polizia, vediamo la polizia nel punto in cui le loro mitragliatrici stanno arrestando una giovane donna con i capelli ricci che indossa una maglietta viola.

La polizia ha affermato che in questo appartamento hanno scoperto una grande quantità di euro e monete d’oro in una borsa, oltre a una pistola e una cartuccia.

Le autorità turche hanno affermato che altre 46 persone sono state finora arrestate in operazioni ancora in corso.

Un’accusa contro gli Stati Uniti

Il ministro dell’Interno turco Suleyman Soylu ha accusato gli Stati Uniti di sostenere alcuni movimenti curdi alleati del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

“Non accettiamo, ma piuttosto rifiutiamo, le condoglianze dell’ambasciata americana. La nostra alleanza con un Paese che mantiene Kobani e sacche di terrorismo (…) va discussa”, ha detto il ministro.

Ankara accusa regolarmente gli Stati Uniti e altri paesi occidentali di proteggere i combattenti curdi dal Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e dalle Unità di protezione popolare (YPG), che Ankara considera terroristi.

La città di Kobani, dove l’attaccante sarebbe stato incaricato di attaccare, è sotto il controllo delle Forze democratiche siriane, di cui le Unità di protezione popolare – alleate con il PKK – sono una componente importante.

READ  “Se mi vedi piangere”: quali sono le “pietre della fame” che galleggiano in superficie a causa della siccità?

Kobani è rimasto famoso per la battaglia del 2015 che ha visto le forze curde sostenute dalla coalizione occidentale respingere il gruppo jihadista dello Stato Islamico.