Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Belgio e molti paesi dell’UE “sconsigliano” tutti i viaggi non essenziali in Cina

“Attualmente stiamo sconsigliando viaggi non essenziali in Cina. Il motivo è il forte aumento delle infezioni da Covid e il sistema sanitario sovraccarico in questo Paese”, ha dichiarato su Twitter il Centro di risposta rapida del ministero degli Esteri tedesco.

“Il Lussemburgo si unisce all’avviso di viaggio della Germania e attualmente sta sconsigliando tutti i viaggi non essenziali in Cina”, ha annunciato il ministero degli Esteri del Granducato in un comunicato stampa pubblicato nel tardo pomeriggio di sabato.

Stesse istruzioni in BelgioDa dicembre, la Cina sta vivendo la più grande ondata di contagi a causa della fine della politica zero Covid. In considerazione del rischio di saturazione degli ospedali e, di conseguenza, del rischio di non poter prestare rapidamente assistenza in caso di emergenza, al momento i viaggi non essenziali sono ancora sconsigliati”, nota il sito del ministero belga della Affari Esteri.

La Cina sta affrontando un’ondata di inquinamento senza precedenti da tre anni e l’Unione Europea ha fortemente incoraggiato questa settimana i suoi Stati membri a imporre l’esame che viene effettuato in Cina, prima del viaggio, oltre a integrare questo sistema con “test casuali” su arrivo in Europa. Suolo.

Come misura precauzionale, molti paesi tra cui Stati Uniti, Giappone, Francia e Germania hanno già emesso misure simili. Una misura simile entrerà in vigore da domenica in Belgio e si applicherà a tutti i viaggiatori di età pari o superiore a 12 anni provenienti direttamente dalla Cina.

Nonostante il ritorno della contaminazione, domenica le autorità cinesi porranno fine alla quarantena obbligatoria all’arrivo in Cina e consentiranno nuovamente ai cinesi di viaggiare all’estero, dopo tre anni di frustrazione.

READ  Mosca incolpa la Gran Bretagna e avverte di "gravi conseguenze"

Martedì Pechino ha denunciato l’imposizione di test Covid da parte di alcuni Paesi, ritenendoli “inaccettabili” e minacciando “contromisure”.

Da parte sua, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) condanna i metodi controversi di Pechino per contare le vittime del Covid. Sebbene gli ospedali cinesi siano sovraffollati e i crematori siano sovraffollati, le autorità hanno segnalato pochissimi decessi correlati al Covid-19.