Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I soldati hanno ammesso di aver giustiziato centinaia di civili

Circa due dozzine di soldati, tra cui un generale, hanno ammesso la responsabilità dell’esecuzione di centinaia di civili negli anni 2000 e poi sono stati presentati come combattenti uccisi in azione, ha annunciato venerdì la Magistratura speciale per la pace.

PEC, un tribunale speciale creato nel 2016″Le confessioni di 21 membri dell’esercito nazionale sono state ricevute con l’accusa di omicidioIl giudice Catalina Díaz Gómez ha spiegato: “Circa 247 persone. Queste uccisioni di civili hanno avuto luogo nella regione di coltivazione della coca di Catatumbo (120), al confine con il Venezuela e sulla costa caraibica (127).

Un altro litigante, un civile, ha ammesso che “Collaboratori con strutture militari nelle loro attività illecite“.

Il tribunale speciale ha incriminato 25 soldati per l’esecuzione a sangue freddo di giovani uomini, per lo più contadini poveri, uccisi in battaglia per esagerare i loro risultati nella lotta contro insorti e gruppi armati.


►►► Leggi anche: La Colombia festeggia i cinque anni di pace con le FARC, l’ex guerrigliero comunista


A febbraio, il JEP ha stimato che almeno 6.402 civili sono morti per mano dei soldati tra il 2002 e il 2008, tre volte più delle stime fornite finora dall’accusa.

rivela quellifalsi positivi“Come viene usata l’espressione oggi, è uno dei più grandi scandali in cui è stato coinvolto l’esercito colombiano durante il suo confronto con i ribelli di estrema sinistra.

L’alto comando militare ed ex presidente di destra Alvaro Uribe (2002-2008), allora capo di stato, hanno a lungo negato che si trattasse di un atto sistematico.

Citando l’Akp, il generale Coronado ha consegnato il suo messaggio”Ci scusiamo per il forte dolore che ha causato.

READ  les autorités pro-russes annoncent "environ 5.000" civils tués à Marioupol, la ville est presque complètement détruite