Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I robot agricoli VitiBot vanno sotto bandiera italiana

Inserito il 27 luglio 2022, 17:15Aggiornato il 28 luglio 2022 alle 13:56.

Creata sei anni fa a Reims, nel cuore della Champagne, VitiBot, azienda produttrice di robot agricoli, entra in seno alla stessa Deutz-Fahr (SDF). L’obiettivo iniziale del giovane player specializzato in vigneti elettrici e autonomi è trovare un partner per continuare il suo sviluppo. Ma diversi produttori hanno mostrato interesse a prendere il controllo e alla fine il gruppo italiano di macchine agricole è stato il più determinato. Secondo le nostre informazioni, SDF cattura il tricolore sulla base di una valutazione vicina a 50 M€. I fondatori e il management – fino ad allora la maggioranza – erano guidati in particolare da Cedric Bache, che ne era il responsabile e doveva prendere posizione all’interno dell’imprenditore italiano, il principale produttore mondiale di trattori agricoli. Con questo aiuteranno il gruppo familiare con un fatturato di 1,5 miliardi di euro noto per i suoi Deutz-Fahr, Lamborghini Trattori, Hürlimann e gli stessi marchi nell’elettrificazione, automazione e gestione dei dati. A questo punto, ci sono case di champagne nella capitale che hanno partecipato allo sviluppo di VitiBot. Questi, Maison Louis Roederer, Martell Mumm Perrier-Jouët, Champagne Laurent-Perrier, Piper-Heidsieck e Maison Charles Heidsieck hanno contribuito agli 11 milioni di euro raccolti dall’esperto dalla creazione dei robot del vino. Anche imprenditori e business angel, tra cui MCFG Invest, hanno partecipato a questi round e ora stanno uscendo dalla capitale.

Con un fatturato di 10 milioni di euro nel 2022, VitiBot ha un ampio portafoglio ordini e si avvicina al punto di pareggio. Questo piccolo imprenditore francese impiega 50 persone (di cui il 40% è dedicato alla ricerca e sviluppo). Con l’aiuto delle SDF, può scalare e accelerare notevolmente a livello internazionale. Sebbene attualmente disponga di una cinquantina di robot Bakus (per l’aratura, il taglio tra le viti o il trattamento) in Francia e in Italia, beneficerà delle 13 filiali commerciali del suo nuovo proprietario e di 3.100 rivenditori sparsi in tutto il mondo.

READ  Tipo H, un allenatore italiano aggiorna il mito