Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I resti di un razzo SpaceX entreranno in collisione con la luna

Il secondo stadio del razzo SpaceX lanciato sette anni fa si schianterà sulla superficie della luna a marzo, secondo gli esperti, che hanno ricalcolato la traiettoria di questo oggetto lasciato nello spazio.

Il razzo è stato utilizzato nel 2015 per orbitare attorno a un satellite per il monitoraggio del clima sulla Terra, il Deep Space Climate Observatory (DSCOVR). L’astronomo Bill Gray, che ha scoperto il nuovo percorso, ha detto mercoledì all’AFP che il secondo stadio utilizzato per spingerlo fluttua nell’universo in un’orbita che i matematici hanno soprannominato “caos”. L’oggetto è passato vicino alla luna all’inizio di gennaio, alterando la sua orbita, e lo ha descritto in dettaglio dal responsabile del “Progetto Plutone”, un programma che consente di calcolare i percorsi di asteroidi e altri oggetti, utilizzato dai programmi di osservazione finanziati dalla NASA. Una settimana dopo, l’esperto è stato in grado di osservare di nuovo i resti del razzo e si è reso conto che avrebbe dovuto scontrarsi con l’altro lato della luna il 4 marzo.

Dopo aver chiesto alla comunità di astrofili di fare nuove osservazioni, i dati sono stati confermati. L’ora e il luogo esatti in minuti e chilometri possono ancora essere modificati, ma la collisione è certa. “Seguo spazzatura spaziale come questa da circa 15 anni, e questo è il primo impatto non intenzionale sulla Luna”. rivelato, evidenziato. L’impatto di questo oggetto di quasi quattro tonnellate non sarebbe stato visibile dalla Terra quando si sarebbe verificato. Ma dovrebbe causare un cratere che gli scienziati potranno osservare in seguito, in particolare dalla NASA LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter) o dalla sonda indiana Chandrayaan-2, permettendoci così di saperne di più sulla geologia lunare.

READ  OnePlus 7 Buon piano: 40% di sconto sul telefono

Le astronavi sono state deliberatamente lanciate sulla Luna per scopi scientifici in passato. Nel 2009, la NASA ha inviato un razzo di secondo stadio per schiantarsi in un’area vicino al Polo Sud per studiare la presenza di acqua. Tuttavia, questi effetti lunari non pianificati potrebbero moltiplicarsi in futuro, secondo Bill Gray, in particolare a causa delle cose che i programmi lunari statunitensi o cinesi lasceranno alle spalle.