Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I rendimenti a 10 anni dell’Italia superano il 4% per la prima volta dal 2014

A più di dieci anni dalla crisi del debito sovrano, l’eurozona è ancora perseguitata dagli stessi vecchi fantasmi. Al termine del suo ultimo incontro di politica monetaria, la Banca Centrale Europea non ha approfondito il meccanismo attraverso il quale intende prevenire futuri rialzi dei tassi di interesse. Triturazione Della zona. In altre parole, il divario esorbitante tra gli oneri finanziari dei paesi più vulnerabili e l’opportunità più certa di impedire il trasferimento sistematico della politica monetaria.

Il Reazione del mercato Fu subito e i rendimenti del debito italiano iniziarono a salire. Il tasso decennale italiano è salito al 3,76% lo scorso fine settimana, dal 3,37% appena prima della riunione della BCE. Ha superato il 4% per la prima volta da gennaio 2014 e ha continuato a salire lunedì. Così come gli operatori del mercato del credito vogliono mettere alla prova l’impegno della Bce e scoprire quando “crolla”.

Spalmare con la ciambella

Il rendimento dell’obbligazione tedesca a 10 anni, che ha raggiunto 240 punti base (o 2,4 punti percentuali), era un premio avverso al rischio. Questo “spread” ha raggiunto i 550 punti base durante la crisi del debito sovrano e i 325 punti base nel 2018 quando la coalizione dei partiti populisti si è ritirata dal bilancio europeo. “Certo, lo spread è inferiore rispetto al 2011 e al 2018, ma l’ammontare dei rendimenti totali, ovvero la pressione sul costo del finanziamento del prestito italiano, è lo stesso del 2018 – già un po’ più alto”, ha sottolineato l’ad di AXA Gilles Moëc economista.

Secondo lui, “Bce vuole di più Per aumentare le loro tariffe , E deve progredire in una resistenza frammentata. Gli investitori non vogliono solo sapere se l’istituto monetario è pronto a eliminare Paso, ma anche conoscerne l’esatta natura. Se sì, come spieghi perché giovedì scorso è stato così vago? Alcuni sospettano un disaccordo all’interno del consiglio di amministrazione, dove i sostenitori della dura tradizione monetaria sono ancora una volta in una posizione di forza. “I membri del consiglio potrebbero essersi resi conto che avrebbero avuto del tempo per passare all’aumento di 25 punti definito a luglio. Sono stati chiaramente fraintesi”, conclude Gilles Mock.

READ  L'italiano Leonardo afferma che la nazionalità dell'acquirente non è un grosso problema nelle vendite di unità.

Cosa è cambiato nella rielezione di Emmanuel Macron?

Quali sono le sfide chiave per i prossimi cinque anni? L’esperienza del corpo docente di Les Echos è inestimabile nel riconoscere le sfide di questo nuovo inizio. Ogni giorno, i nostri studi, analisi, rubriche ed editoriali collaborano con i nostri iscritti per aiutarci a comprendere i cambiamenti che stanno cambiando il nostro mondo e prepararli a prendere decisioni migliori.

Ho trovato offerte