Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I piloti delle compagnie aeree belghe si uniscono allo sciopero dell’equipaggio di cabina


I lavoratori della Irish Low Cost Company chiedono il rispetto del diritto del lavoro belga garantendo al contempo un salario minimo per tutti.

L’equipaggio di cabina della Ryanair con sede in Belgio ha annunciato uno sciopero di tre giorni venerdì scorso dopo il fallimento dei negoziati su un nuovo contratto collettivo.

Le discussioni sono sospese da diverse settimane perché le proposte del vettore non rispettano il diritto del lavoro belga, affermano i sindacati cristiani fiammingo ACV Puls e CNE di lingua francese, che sono gli unici rappresentati nella compagnia low cost irlandese. Le due organizzazioni deplorano anche la mancanza di un dipartimento delle risorse umane con sede in Belgio che abbia familiarità con la legislazione sociale ivi applicata, che eviterebbe molti errori di busta paga.

Con questo sciopero in Belgio ha preso forma l’azione europea sollevata dai sindacati a metà maggio. In Spagna, l’equipaggio di cabina prevede di licenziare il lavoro per sei giorni, il 24, 25 e 26 giugno, nonché il 30 giugno, 1 e 2 luglio. Un sindacato portoghese ha anche chiesto ai dipendenti Ryanair uno sciopero di tre giorni, sempre dal 24 al 26 giugno, per protestare contro il deterioramento delle condizioni di lavoro del personale. Anche l’Italia si unirà al movimento sabato 25 giugno e la Francia farà lo stesso il 25 e 26 giugno, dopo uno sciopero di due giorni della scorsa settimana che ha causato la cancellazione di molti voli.

READ  I marocchini, i maggiori consumatori di credito al consumo

L’ultimo sciopero di aprile ha causato la cancellazione di quasi 300 voli negli aeroporti di Zaventem (aeroporto di Bruxelles) e Charleroi (BSCA).