Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I leader del G7 danno direttamente il tono per imporre nuove sanzioni a Mosca

“Insieme, il G7 annuncerà che vieteremo l’oro russo, una delle principali fonti di esportazione, che priverà la Russia di miliardi di dollari”, ha dichiarato su Twitter il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Le sette maggiori potenze (Germania, Stati Uniti, Francia, Canada, Italia, Giappone e Regno Unito) formalizzeranno il loro impegno al termine dell’incontro di martedì, ma ci sono già Washington, Londra, Ottawa e Tokyo.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che questo divieto sull’oro appena estratto in Russia, senza prendere di mira l’oro che è già stato venduto, “colpirebbe direttamente gli oligarchi russi e attaccherebbe il cuore della macchina da guerra di Putin”.

rischio di “stanchezza”

L’Occidente ha già imposto diversi round di sanzioni alla Russia, la cui guerra contro l’Ucraina è al suo quinto mese.

Ma il governo ucraino chiede di più, dopo gli scioperi russi di domenica mattina a Kiev, un atto di “barbarie” denunciato da Biden.

Di fronte alla minaccia di “esaurimento”, ricordata da Boris Johnson, del campo occidentale, il presidente degli Stati Uniti ha lanciato un nuovo appello all’unità del Gruppo dei Sette e della Nato contro Mosca.

Vladimir Putin aveva sperato che “la NATO e il G7 si sarebbero in qualche modo separati. Ma non l’abbiamo fatto e non lo faremo”, ha confermato Biden prima di un’intervista con Olaf Schultz.

Hôte du sommet, le chancelier allemand a égallement loué l’unité des alliés, à laquelle “Poutine ne s’attendait pas”, appellante chaque pays “à partager la responsabilité” de faire face aux défis croisslit con ques de quis duration.

Con l’avanzata delle forze russe nel Donbass, lunedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky interverrà in videoconferenza.

READ  Guerre en Ucraina : l'avancée russe vers Kiev est "au point mort" selon le Pentagone

Boris Johnson ed Emmanuel Macron “hanno convenuto che questo è stato un momento decisivo per lo sviluppo del conflitto e che è stato possibile invertire le sorti della guerra”, ha affermato un portavoce del governo britannico.

Non esiste una soluzione negoziata “ora”

Ma il premier britannico ha messo in guardia contro ogni tentazione di trovare una soluzione negoziata “ora” in Ucraina, rischiando di prolungare “l’instabilità globale”.

Davanti alla magnifica vista panoramica delle cime alpine, i leader slegano i loro legami per la tradizionale foto di famiglia, una breve tregua prima di diverse sessioni di lavoro.

Il conflitto e le sue conseguenze occuperanno gran parte delle discussioni con le prime interviste dedicate alle turbolenze economiche globali, dalle minacce di penuria alimentare all’accelerazione dell’inflazione, compresa la crisi energetica.

Joe Biden vuole anche dimostrare ai suoi alleati che opporsi alla Russia e affrontare la Cina sono obiettivi complementari, non che si escludono a vicenda.

In particolare, il G7 vuole confrontarsi con la Cina e le sue “Nuove Vie della Seta” investendo molto in infrastrutture per i paesi svantaggiati in Africa, Asia e America Latina. Un progetto in cui i leader vengono valutati la domenica.

leader deboli

I leader d’Indonésie, Inde, Sénégal, Afrique du Sud et Argentine, ont d’ailleurs été conviés à ce sommet annuel alors que le Occidentaux cherchent à bloc élargir le front des démocrates unies contre la ace men paret’ China.

Queste economie emergenti sono anche particolarmente vulnerabili alla carenza di cibo e all’esplosione dei costi energetici, esacerbata dalla guerra in Ucraina e dalla crisi climatica.

Gli attori del clima si aspettano progressi tangibili dal G7, inclusa la “pianificazione” per la completa eliminazione dei combustibili fossili. Un’emergenza che Greenpeace intende ricordare affiggendo uno striscione in cima allo Zugspitze, il punto più alto della Germania che domina l’Elmau.

READ  Biden avertit la Russie: «Ne pensez même pas à avancer d'un centimètre en territoire de l'Otan»

Le discussioni bilaterali completano le sessioni, a cominciare dall’incontro tra Olaf Schulz e Joe Biden, due leader in situazioni difficili nei rispettivi paesi.

Il cancelliere tedesco sta scommettendo su questo G7 per riconquistare la sua popolarità in declino negli ultimi mesi, poiché non è riuscito a mostrare un forte sostegno per come.

Il presidente degli Stati Uniti affronta un’America più divisa dopo che la Corte Suprema ha contestato il diritto all’aborto, in un Paese gravemente afflitto dall’elevata inflazione.

Il francese Emmanuel Macron non è riuscito una settimana fa a ottenere la maggioranza assoluta nell’Assemblea nazionale francese e dovrà confrontarsi con altri partiti, un impegno per lui senza precedenti. Johnson, indebolito da Party Gate, vede il suo partito perdere due volte alle elezioni locali di questa settimana e sembra perdere tempo.