Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Horesca: i prezzi sono dilaganti nei ristoranti lussemburghesi

pubblicato

Gli affari vanno a gonfie vele nel settore alberghiero e della ristorazione. I proprietari di ristoranti, bar e hotel oscillano tra dubbi e speranze.

La carenza di manodopera nel settore alberghiero e della ristorazione potrebbe raggiungere le 2.000 persone entro la fine dell'anno.

La carenza di manodopera nel settore alberghiero e della ristorazione potrebbe raggiungere le 2.000 persone entro la fine dell’anno.

“Sarà soprattutto una torta dolce!” Riconoscendo le sfide da affrontare, François Kouip, Segretario Generale del Consorzio Horesca (Hotel, Caffè e Ristoranti), vuole essere ottimista quando si tratta di spegnere 50 candeline nell’istituzione. “Gli affari sono tornati. Alberghi e ristoranti si stanno riempiendo di nuovo, così come la formazione sulla ristorazione. Presto torneremo alla velocità di crociera pre-Covid”

Tuttavia, il Segretario generale resta consapevole dei problemi attuali del settore “a cominciare dalla carenza di manodopera che attualmente si attesta tra le 800 e le 1.200 persone”. Lo vede Jean-Yves Sybil, proprietario del ristorante del Threeland Hotel di Pétange, aggiungendo che “questo squilibrio tra domanda e offerta porta a costi salariali gonfiati”.

“Dobbiamo innovare nei prodotti”

Le stesse stime affermano che “l’effetto di un aumento dei nutrienti, in particolare carne, pesce e verdure del 15%”. Per François Koepp, “L’impatto sulla fattura del cliente è di circa il 5-6%”. E il Presidente di Threeland continua: “Questo non cambierà, siamo noi che dovremo cambiare i nostri metodi, attraverso l’innovazione del prodotto”.

Se a questo si aggiunge l’aumento dei costi energetici (“+45% da marzo!”), Jean-Yves Sybil conclude “stiamo giocando un filotto”, mentre, come François Koepp, osserva che “l’attività è ben distribuita”

READ  Problemi con il tuo contratto di alimentazione? FPS Economy risponde a 9 domande più frequenti