Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Harvey Weinstein attende la condanna dopo due mesi di rovente processo a Los Angeles

Durante questo nuovo processo, quattro donne hanno accusato in modo anonimo e dettagliato il produttore di averle costrette a fare sesso negli hotel di Beverly Hills e Los Angeles tra il 2004 e il 2013. Un quinto di loro alla fine si è rifiutato di testimoniare.

Dopo settimane di udienze strazianti, spesso interrotte da vittime singhiozzanti, l’accusa ha dipinto il signor Weinstein come un orco onnipotente la cui presa su Hollywood – i film che ha realizzato hanno ricevuto più di 330 nomination agli Oscar e 81 statuette – ha a lungo impedito alle sue vittime di parlare, temendo ripercussioni per la loro carriera.

“Regno del terrore”

Nella sua dichiarazione conclusiva, il procuratore Marilyn Martinez ha dichiarato: “Non c’è dubbio che Harvey Weinstein fosse un predatore”. “Come tutti i predatori, aveva un modo”, ha insistito, e ha invitato i giurati a “porre fine al suo terribile regno”.

“Gli alberghi erano la sua compagnia. Confinate tra queste mura, le vittime non potevano sfuggire alla sua massa imponente”, ha riassunto il giudice, attingendo alle similitudini tra le testimonianze.

L’ex produttore, che ha sempre sostenuto che tutti i suoi accusatori erano d’accordo, ha rifiutato di testimoniare durante l’udienza.

Per lui la posta in gioco è alta. Se condannato, potrebbe essere condannato a più di 100 anni di carcere aggiuntivi.

Il verdetto di questo nuovo processo di Los Angeles è anche particolarmente significativo perché, dopo un iniziale diniego di giustizia, la Corte Suprema di New York gli ha finalmente permesso ad agosto di appellarsi contro la sua condanna del 2020, che è stata una grande vittoria per il movimento #MeToo. .

READ  Leticia Hallyday posa senza vestiti su Instagram, nessuno se lo aspettava!

La sua difesa ha messo in dubbio metodicamente la parola dei quattro imputati, così come quella delle altre donne che sono state ascoltate come testimoni di fatti avvenuti in un luogo diverso da Los Angeles.

L’affermazione è “interamente basata” sul “fidati di me”, ha denunciato Alan Jackson, uno degli avvocati del produttore.

“Rimorso” o “stupro”?

Secondo lui, due degli imputati hanno descritto incontri che non hanno mai avuto luogo. Gli altri due hanno avuto rapporti consensuali in cambio di favori a Hollywood, ha sostenuto, di cui in seguito si sono pentiti e si sono trasformati in accuse mentre cavalcavano una valanga di rivelazioni contro il signor Weinstein all’inizio del movimento #MeToo. nel 2017.

L’avvocato ha specificamente incriminato Jennifer Siebel Newsom, moglie del governatore della California Gavin Newsom, che ha rivelato la sua identità durante il processo.

“Il rimorso non è affatto la stessa cosa dello stupro”, ha detto. “Non puoi riscrivere la tua storia, non importa con chi sei sposato.”

Durante due giorni di testimonianze, l’attrice ha raccontato come un incontro in un hotel di Beverly Hills nel 2005 si sia trasformato in uno stupro, dopo 45 minuti di pressioni da parte del produttore.

“Sto tremando. Sto piangendo. Sa che non è affatto consensuale”, ha detto in lacrime.

Inoltre, ha paragonato lo stile degli avvocati del signor Weinstein, che l’hanno interrogata con molta insistenza, a quello del loro cliente. “Quello che stai facendo oggi è esattamente quello che ha fatto a me,” sussurrò.

In totale, quasi 90 donne, tra cui Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow e Rosanna Arquette, hanno accusato Harvey Weinstein di molestie, violenza sessuale o stupro. Ma i termini di prescrizione sono stati superati in molti di questi casi, alcuni risalenti al 1977.

READ  “Tette enormi, facce avvolgenti”: Quando lavorava su RTL-TVI, Agathe Lecaron si sentiva invisibile accanto ad alcuni presentatori

L’ex produttore è anche incriminato nel Regno Unito per aggressioni sessuali risalenti al 1996.