Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha ucciso e mangiato un collega a Parigi: il “cannibale” è morto

Issei Sagawa, soprannominato “il cannibale” per aver ucciso e divorato uno studente olandese a Parigi nel 1981, è morto all’età di 73 anni.

Il suo crimine ha ispirato terrore e conflitti in tutto il mondo. Sagawa è morto il 24 novembre di polmonite e in realtà si è tenuto un funerale, a cui hanno partecipato solo i suoi parenti, secondo una dichiarazione dell’editore della biografia di suo fratello del giugno 2019. Non è stata condotta alcuna cerimonia pubblica. aggiunto. Issei Sagawa era studente a Parigi alla Sorbona quando, l’11 giugno 1981, invitò a cena nel suo appartamento il compagno olandese René Hartevelt.

Lì, l’ha uccisa con una pistola al collo e l’ha violentata prima di smembrarla e mangiare diverse parti del suo corpo per tre giorni. “Mangiare quella ragazza era un’espressione d’amore. Volevo sentire dentro di me la presenza di qualcuno che amoHa confessato dopo il suo arresto.Gli esperti testimoniano la sua malattia mentale, ha beneficiato del suo licenziamento ed è stato arrestato in Francia e poi in Giappone prima di riconquistare la libertà nell’agosto 1985.

Disgusto e discordia

Dopo essere diventato una star dei media, ha intrattenuto molti giornalisti nel suo appartamento alla periferia di Tokyo. È intervenuto occasionalmente sulla televisione giapponese e ha pubblicato diversi bestseller come “Cannibal” o “Mi piacerebbe mangiarlo” e ha disegnato manga che raccontano il suo crimine. Lo scrittore giapponese Goro Kara ha vinto il prestigioso premio letterario Akutagawa nel 1982 per il suo romanzo poliziesco “Lettera da Sagawa”. Due antropologi hanno anche realizzato un documentario su di lui nel 2018 chiamato “Caniba”, in cui Issei Sagawa afferma di non essere in grado di “spiegare” le sue azioni. “È solo la mia immaginazione. Non posso dire niente di più specificoannunciato nel film.La gente deve pensare che sono pazzo”.

Ha descritto la sua “ossessione” come “impossibile da contenere”, dicendo: “Volevo mangiare il culo più di ogni altra cosa al mondo”. I registi del documentario, Verena Paravel e Lucien Castange-Taylor, hanno dichiarato di essere stati “sopraffatti” da una serie di “emozioni molto contrastanti” durante i mesi trascorsi nell’intima relazione tra Issei Sagawa e suo fratello Jun, un seguace dell’autolesionismo. . . “Disgustata e interdetta, volevamo capire…”, ha definito Verena Paravel, aggiungendo che nonostante tutto “un film sulla sorellanza, sull’amore”.

READ  Le strazianti parole d'addio di Charlotte Valandre a sua figlia Tara: "Non sto dormendo, sto guardando" | Televisione