Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha fatto scalpore la decisione di AB Inbev di produrre Leffe in Russia: spiega l’azienda

Si tratta di una scelta contraddittoria da parte di AB InBev, nel contesto della guerra in Ucraina e delle sanzioni contro la Russia. Mentre un gran numero di grandi marchi stanno lasciando il paese, come McDonald’s, Starbucks o Nike ad esempio, AB Inbev vuole consolidare il suo controllo lì. Sorprendentemente, abbiamo appreso che il gruppo ha annunciato lo scorso aprile il suo desiderio di sospendere le sue attività in Russia. Dal 1966, la birra Leffe è storicamente prodotta a Leuven. Per la prima volta, la società ha annunciato che la Leffe marrone e bionda sarebbe stata prodotta in sette birrifici russi. L’obiettivo èIndividua la loro produzione dai marchi importati più richiesti e preferiti dai consumatori [russes].

Una notizia che ha incuriosito molti belgi che ora vogliono boicottare una delle più importanti birre da esportazione del gruppo e altri prodotti. Hanno risposto anche altre personalità più famose come l’ex first lady ucraina Katerina Yushchenko. “AB Inbev, non molto elegante nel sostenere il genocidio. Gli europei occidentali amano fare lezione agli altri sulla corruzione perché sono loro stessi che scelgono i soldi piuttosto che la morale. County Leffe Beer”Ho scritto su Twitter.

Quello che sappiamo

In effetti, questa decisione è stata presa da AB InBev-Efes. È una joint venture tra AB Inbev e la società turca Anadolu Efes. Tuttavia, AB Inbev non ha la maggioranza e quindi non ha il monopolio del processo decisionale. Queste due società collaborano in molti paesi, inclusa la Russia, dal 2018.

Dopo questa polemica, AB Inbev ha voluto rispondere. La società afferma di voler vendere le sue azioni in questa joint venture da quando i russi hanno invaso l’Ucraina. “Continuano le discussioni attive tra le parti in merito alla vendita della partecipazione di minoranza di AB InBev nella joint venture AB InBev – Efes al suo partner, il birrificio turco Anadolu Efes.

READ  Bitcoin 25 novembre 2021 - PlanB Crash

Allora, cosa manca per registrare questa vendita? “La sospensione della licenza di vendita di alcuni marchi rientra nelle trattative in corso con Anadolu Efes”, Spiega AB Inbev. Durante l’aggiunta:Come precedentemente annunciato, anche AB InBev rinuncia a qualsiasi beneficio finanziario dalle operazioni della joint venture.

Finché non viene trovata una soluzione, AB InBev-Efes può continuare a preparare Leffe o … vendere Stella Artois. La pilsner, infatti, è presente anche nel territorio russo.

Legalmente, la birra, come altri prodotti alimentari, non è minacciata dalle sanzioni dell’UE. Almeno fintanto che le aziende europee che li producono non collaborano con i soggetti presi di mira dall’Unione Europea e rispettano altre sanzioni che riguardano ad esempio i trasporti.