Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha dovuto pagare 268 euro per riaverla, ‘Sono scesa dall’aereo e poi ho capito che se n’era andata’

Janice Gordon, canadese di 67 anni, ha viaggiato da Montreal a Londra (Heathrow) con British Airways, ma appena arrivata a destinazione si è accorta di aver dimenticato il suo iPad sull’aereo.




di video

I fatti sono avvenuti il ​​mese scorso. Janice si è resa conto di non aver preso in mano l’iPad quando ha raggiunto il terminal dove stava per imbarcarsi sul suo secondo volo per il Bahrain, in Asia. L’esperta di sesso si è subito accorta di aver lasciato il tablet sul sedile. Quindi ha implorato il personale della British Airways di portare il suo iPad sull’aereo, ma le è stato detto che non era possibile. Il ritorno all’aeromobile può comportare una violazione della sicurezza.

Ma la canadese ha chiarito nelle colonne a specchio che si trovava a pochi metri dall’aereo da cui era appena partita quando si è accorta della sua omissione. Poi il personale gli ha detto che l’iPad era davvero in viaggio verso l’ufficio oggetti smarriti.

Due settimane dopo, al suo ritorno dal Bahrain, Janice voleva ritirare il suo iPad dal banco oggetti smarriti all’aeroporto di Londra Heathrow. Ma le cose si sono complicate…

Domanda di Sicurezza

“Stavo dormendo quando siamo atterrati a Londra, quindi ero un po’ stordita”, dice Janice. Sono sceso dall’aereo, ho superato i controlli di sicurezza e poi sono andato al gate del volo per il Bahrain. È stato allora che ho capito che il mio iPad non c’era più, forse 40 minuti dopo essere sceso dall’aereo”, aggiunge il sessantenne. “Ho chiesto alla signora della British Airways al gate se qualcuno poteva rimettermi sull’aereo, ma lei ha rifiutato per motivi di sicurezza ed è stata portata all’ufficio oggetti smarriti”, ha testimoniato ancora il canadese.

Quando ha chiesto se qualcuno poteva portarla all’ufficio oggetti smarriti, le è stato nuovamente detto di no per motivi di sicurezza. “Mi hanno dato un biglietto e mi hanno detto che dovevo mandargli un’e-mail. Janice ripete. “Alla fine mi hanno inviato un elenco degli iPad trovati e mi hanno chiesto di identificare quello che avevo”.

“Ne ho trovato uno che mi somigliava e ho rispedito le informazioni. Poi mi è stato detto che avevo bisogno di un numero di serie per il mio iPad. Fortunatamente era nel mio telefono”, aggiunge Janice. Ma ovviamente l’ufficio non era aperto domenica, dice ancora al-Kindi.

“Alla fine ho inviato un’e-mail a Instafile e li ho pagati £ 30 (€ 35) ma non ho ottenuto risultati fino a quando non mi hanno detto che avevano il mio iPad e me lo avrebbero spedito per £ 230 (€ 268), continua Janice. Un’avventura che sarebbe costata a un canadese caro…

READ  Valori USA da tenere d'occhio a Wall Street (aggiornato) - 12/03/2021 alle 13:42