Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guimard: “Anche il calo di Julian Alaphilippe resta pericoloso”

Il tournée in Spagna .in fase di completamento Campioni del mondo Aprendo tra pochi giorni in Australia, il tempismo era perfetto per una rimonta Cyril Guimard su di me Novità sul ciclismo ! incoronazione RYMCO EVENBUIL (Team del vinile Alpha Fast-Step) sur IndietroPuzzle Tibo Pinot (Groupama-FDJ), scegli Thomas Voeckler a Campioni del mondocon la presenza di Giuliano Alphilippi (Alpha Vinyl Rapid Team) e altri Benoit Cosnefroy (Team AG2R Citroën) … Molti argomenti molto interessanti sono discussi da sacerdote…e si possono trovare nel tuo video!

Video- Cyril Guimard … Dopo la Vuelta e prima dei mondi!

Remko Evenpoel della Spagna: “Questa vittoria è del tutto logica”

Vederlo sul primo gradino del podio non è poi così sorprendente. Il suo viaggio dall’età di 17 anni fino ad oggi è stato così impegnativo che era difficile immaginare che non avrebbe vinto un Grand Tour. È anche difficile immaginare oggi che non ne vincerà molti. Conferma tutto quello che ha mostrato dall’età di 17-18 anni quando era nelle Juniores, e non torniamo al suo record che è sicuramente il più ricco di questa categoria. Quindi questa vittoria ha perfettamente senso, anche se vorremmo vedere Roglic in battaglia nelle ultime tappe di montagna.

Evenepoel era abbastanza calmo, padroneggiava bene i suoi passaggi difficili, ma quella calma è perfettamente normale perché nonostante i suoi 22 anni, ha già esperienza nei più grandi eventi mondiali. Poi è facile gestire bene le cose quando hai 50 watt in più dei tuoi avversari… Ha anche qualità che gli permettono, anche nei momenti difficili, di dominare la situazione

Evenepoel in tournée nel 2023? : “Se Evenepoel dice di voler fare il tour…”

Patrick Lefevre (Direttore Generale di Squadra di vinile Alpha Fast-Stepndr) secondo un certo numero di criteri (marketing, forza lavoro…) ma se Evenepoel dice di voler fare il tour, non sono sicuro che Lefevere gli risponderebbe con “No, vai in tournée in Italia Poi, può Evenepoel fare un tour in Spagna, un Tour d’Italia e un Tour de France, questo non mi disturba.Ma questa è la comunicazione, Lefevre sa come farlo.

READ  Barrages Mondial - La Macédoine du Nord ne veut pas manquer sa chance : "On aura 90 minutes pour réaliser notre rêve"

Quick-Step e Lefevere dovranno cambiare la loro filosofia per supportare Evenepoel? Lefevere avrà sempre una certa tenerezza per le classiche fiamminghe, è fiammingo, è la sua cultura, ma quando si comincia a parlare di vittoria al Tour de France, il Giro delle Fiandre diventa molto meno rilevante. Vincere il Giro delle Fiandre è un’ottima cosa, una sorta di Santo Graal per i fiamminghi, ma se guardiamo a cosa sta succedendo da domenica, ho l’impressione che i fiamminghi, e i belgi in generale, siano rimasti più colpiti da Eveningpole. Alla Vuelta vince più di Liegi-Bastogne-Liegi. Se avesse vinto quattro volte il Tour de France, non ci importerebbe se non avesse mai vinto il Giro delle Fiandre, e neanche Patrick Lefevre si sarebbe preoccupato. Non è della stessa dimensione.

Vuelta e il livello di Thibaut Pinot: “Penso che non abbia trovato la voglia”

Come nel Tour, Pinot ha inseguito vittorie di tappa, ma non ha le gambe per inseguirle. Inizia con colpi ma non è il miglior anticonformista. Non è buono come una volta. Probabilmente non dovrebbe essere detto, ma è la realtà, è il fondamento. perché ? Immagino che non abbia trovato il desiderio, lo spirito guerriero, questo desiderio di farsi del male davvero. Si sente come un ciclista annoiato sulla sua bici. È così che mi sento e credo di non essere l’unico. Mark Madiot avrà un ruolo psicologico significativo da svolgere fino al suo ritorno? Vorrei quasi dire che non so un po’ come lavora Mark, credo ci abbia già provato…

Julian Alphilippi farebbe entrambi i mondi: “Anche un Julian in calo rimane un corridore pericoloso…”

Nella misura in cui ha potuto riprendere gli allenamenti e ripristinare tutte le sue doti di leadership, la sua scelta è logica. Anche la diminuzione di Julian rimane una faida pericolosa che deve essere completamente definita, dopo di che ha ancora un ruolo importante all’interno del gruppo. È ancora l’allenatore della nazionale francese, ed è difficile affermare diversamente con due titoli mondiali. Ha un ruolo importante con i compagni e in pista, e soprattutto non prende il posto di nessuno perché è stato automaticamente eletto campione del mondo (la squadra francese avrà già nove piloti al via, contro otto degli altri grandi nazioni, ndr). Allora perché non prenderlo anche se non è al 100%? Sappiamo che se può dare una mano in qualsiasi circostanza di razza, lo farà con il proprio stato mentale.

L’impressione che ha fatto Julien Alaphilippe a La Vuelta? “Pensavo fosse molto, molto buono”

È arrivato con il ruolo di compagno di squadra rispetto a Evenepoel, e lo ha fatto perfettamente, interpretando il capitano di strada. L’ho trovato molto, molto buono. Andando alla fine della Vuelta, sarà al 100%, senza la pressione delle corse. Purtroppo c’è stata questa piccola caduta, che possiamo dire è ancora legata a una mancanza di messa a fuoco a questo punto perché è caduto da solo in una curva dove nulla era definito. Ma prima lo trovavo molto bravo e sapeva che lavorando con Evenepoel si stava preparando per i Mondiali.

READ  Due immagini valent mieux que mille mots : le désamour entre Eden Hazard et Ancelotti décrypté par Marca

No ai mondi, Benoît Cosnefroy disse: “Un antagonista ha anche il diritto di pensare…”

Non lo considero un rifiuto. Il corridore ha anche il diritto di avere la testa, di pensare e di sapere cosa gli fa bene. Abbiamo il diritto di dire di no, anche alla Francia. Se i Mondiali fossero in Italia sarebbe diverso, ma lì in Australia… quando vai ai Mondiali, devi andarci con una vera motivazione. Dal momento in cui non era nella sua testa e quando non se lo aspettava, la sua vittoria in Quebec non poteva mettere tutto in discussione.

E poi penso che il sistema che esiste dal 1983 e che esiste da quando non sono più al timone della squadra della Francia (30 giugno 2019, ndr), funzioni. Se mantenessimo lo stesso protocollo, oggi non avremmo quel tipo di situazione. Quando ero al timone della squadra francese, i team manager erano direttamente integrati nel sistema di selezione ed erano responsabili dei corridori nella selezione. Lì, abbiamo già avuto il sistema – perché politicamente era così sconvolto – che le persone che pagano i corridori non hanno alcuna responsabilità. I veri boss dei Cavalieri non sono la Federazione, ma chi li paga 12 mesi su 12. Bisogna lavorare con queste persone. Ho lavorato per due anni ed è stato fantastico. Se lo avessimo fatto, allora non ci sarebbero stati problemi di Cosnefroy, sarebbe stato risolto prima.

Cyrille Guimard si rammarica della mancanza di comunicazione da parte di FFC per i Mondiali

Siamo a due settimane di distanza dai mondiali in Australia e al momento la federazione non ha mai comunicato sul mondiale. Tuttavia, per due anni, ci siamo messi in contatto presto. Oggi, se sei sul marciapiede della radio e se chiedi alle persone se sanno che ci sarà un campionato del mondo in Australia, dimmi quale percentuale di persone risponderà… Forse dovrebbe anche essere tutto esaurito. Ho visto piccoli frammenti di frasi, piccole cose, ma non ho visto una vera comunicazione. Non c’era niente.

READ  Deposito Lens Monaco / Coupe de France / 8 / Lens Monaco (2-4) / 30 gennaio 2022 / SOFOOT.com

Francia ai Mondiali: “Tutto lo deciderà Julien Alaphilippe”

Penso che abbia un ruolo da interpretare, ma sarà diverso dagli anni precedenti, in cui Alaphilippe era protagonista e leader. Lì sarà più difficile, quindi sarà necessario correre in modo intelligente. Ma in ogni caso, che riesca a vincere o meno, tutto si giocherà, da un punto di vista strategico, attorno a Julian Alaphilippe. Sarebbe il denominatore comune, ma gli altri piloti in questa selezione hanno un grande potenziale per cercare di essere troppo invadenti. Al contrario, Tadej Pogacar e Wout Van Aert, è ancora più che pericoloso, e poi dovremo guardare Evenepoel come l’acqua in fiamme.