Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Sergei Lavrov giustifica l’invasione russa citando il Belgio

Domenica sera, Sergey Lavrov è stato ospite alle 20:00 al TF1. Durante l’intervista, è stato in grado di rispondere a molte domande. Inevitabilmente, la guerra in Ucraina era al centro del dibattito. Ancora una volta il ministro degli Esteri russo ha cercato di giustificare l’aggressione al suo vicino. Questa volta ha usato un argomento diverso dal minare l’Ucraina. “Sai, lo facciamo perché dobbiamo”Iniziò. “Vogliamo proteggere il popolo del Donbass. Vogliamo anche proteggere la lingua russa, che è stata direttamente discriminata e attaccata dai regimi successivi in ​​Ucraina”.

Dopo questa giustificazione, ha preso l’esempio del Belgio a sostegno della sua argomentazione. “Come reagirebbe la Francia se il Belgio bandisse la lingua francese? Dove farebbe l’Inghilterra se l’Irlanda bandisse la lingua inglese? In Europa, non puoi immaginarlo. Ma quando si tratta di russo, a nessuno importa”.

Ha anche affermato che questa regione del Donbass era una priorità assoluta. Kiev, invece, non è più una priorità. “La nostra priorità assoluta è la liberazione delle regioni di Donetsk e Lugansk, che sono riconosciute dalla Federazione Russa come Stati indipendenti”.ha detto Lavrov. D’altra parte, si rifiuta ancora di parlare di “annessione” di queste due regioni.

READ  Guerre en Ukraine: un opposant russe de renommée arrêté pour «fausses informations»