Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la Russia minaccia di espandere l’offensiva, esclude i colloqui

La Russia mercoledì ha ampliato i suoi obiettivi per includere regioni diverse da quelle dell’Ucraina orientale e del bacino del Donbass, che sono ancora oggetto di bombardamenti in una guerra che sta privando parte del mondo di grano e minacciando l’Europa di penuria di gas.

Per superare il calo delle spedizioni russe, Bruxelles ha anche proposto mercoledì un piano per ridurre del 15% la domanda di gas europea. Questo piano prevede un arsenale di misure come la riduzione del riscaldamento di alcuni edifici, il rinvio della chiusura delle centrali nucleari e l’incoraggiamento delle aziende a ridurre i propri bisogni. Dopo quasi cinque mesi di guerra, il capo della diplomazia russa, Sergei Lavrov, ha sottolineato che gli obiettivi militari della Russia non sono più solo confinati all’Ucraina orientale, ma sono anche preoccupati”altre regioniPuò espandersi.

Non ha senso nella situazione attuale

Sergei Lavrov ha giustificato questo cambiamento con una “geografia diversa” rispetto alla situazione sul campo a fine marzo.
Nell’ambito dell’offensiva del 24 febbraio, la Russia ha dichiarato di volersi concentrare sul bacino del Donbass, un’area mineraria in parte controllata dai separatisti filo-russi dal 2014, dopo che in particolare non è riuscita a catturare Kiev, la capitale ucraina.
“Non più solo le repubbliche di Donetsk e Lugansk (le regioni separatiste dell’Ucraina orientale, ndr), ma anche le regioni di Kherson e Zaporizhia (al sud, ndr) e una serie di altre regioni, e questo processo continua costantementeIl signor Lavrov ha detto all’agenzia di stampa RIA Novosti e al canale RT. Il signor Lavrov ha anche affermato che i colloqui con Kiev non porterebbero a “Non ha senso nella situazione attualeCredendo che i contatti precedenti “rivelassero solo una mancanza di volontà da parte ucraina di discutere di qualcosa di serio”.

READ  Variante Omicron: quarantena obbligatoria o divieto di viaggio per persone provenienti da 9 paesi africani

divieto d’oro

L’Ucraina ha risposto all’annuncio russo chiedendo più armi e sanzioni aggiuntive contro Mosca. “I russi vogliono sangue, non negoziati. Invito tutti i partner a rafforzare le sanzioni contro la Russia e ad accelerare le spedizioni di armi in Ucraina”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.
A complemento delle sei serie di sanzioni adottate dall’inizio della guerra, mercoledì l’Unione Europea ha anche accettato di vietare le esportazioni di oro dalla Russia. Congelerà anche i beni della russa Sberbank e aggiungerà diverse personalità ed entità alla sua lista nera.

Mosca ha ottenuto guadagni nelle ultime settimane nel Donbass, inclusa la rottura del doppio blocco su due città nella regione di Lugansk, Severodonetsk e Lesichansk, aprendo la strada al tentativo di avanzare verso le città di Kramatorsk e Sloviansk, più a ovest nel Donetsk regione. Tuttavia, in questa parte dell’Ucraina continuano pesanti combattimenti e Kiev può contare sulle recenti consegne di pezzi di artiglieria occidentale più efficienti.

Lavrov ha anche avvertito che se l’Occidente continuasse a fornire all’Ucraina armi in grado di colpire da lunghe distanze, come i lanciamissili multipli Hemar degli Stati Uniti, gli obiettivi geografici della Russia continuerebbero ad evolversi.
Nel sud, secondo il sindaco di Nikopol Oleksandr Sauk, i nuovi proiettili hanno provocato almeno due morti e nove feriti nella città di Nikopol. Secondo il funzionario regionale Oleksandr Velkul, l’esercito russo ha lanciato raffiche di missili Grad dai territori occupati nell’Ucraina meridionale, 30 dei quali sono caduti sulla città.

Tra i feriti c’erano quattro bambini, il più giovane dei quali aveva tre anni. “Tre edifici sono stati completamente distrutti, fino a dieci altri sono stati danneggiati”, Ha detto su Telegram. A Kharkiv, nel nord-est del Paese, i bombardamenti hanno ucciso almeno tre persone, secondo le autorità locali. Tra le vittime c’era un ragazzo di 13 anni che è stato ucciso vicino a una fermata dell’autobus e il cui corpo e i cui parenti sono stati visti sotto shock dai giornalisti dell’Afp, inginocchiato accanto a lui tra vetri rotti.

READ  'Deltacron', un nuovo tipo di Covid o un falso allarme? Secondo Marc van Ranst, "la contaminazione in laboratorio sembra essere la causa"

Preoccupazioni per Gaz

A Bruxelles, la Commissione europea sta preparando la mente delle persone alla carenza di gas che potrebbe rallentare l’attività economica e causare difficoltà di riscaldamento. La Russia copriva il 40% della fornitura di gas in Europa fino allo scorso anno.
Nonostante l’aumento delle importazioni da Norvegia, Azerbaigian e Algeria e le spedizioni di gas naturale liquefatto statunitense triplicate da marzo, gli europei temono un inverno difficile. “La Russia usa il gas come arma. In caso di perturbazione completa, l’Europa deve essere preparata‘, ha affermato il capo dell’Esecutivo europeo, Ursula von der Leyen.

uk2

Oltre a richiedere la fornitura di almeno il 15% del gas tra agosto 2022 e marzo 2023, la Commissione afferma che i 27 Stati membri possono rivolgersi, se necessario, al carbone, al petrolio o al nucleare. Nel prossimo futuro, l’Europa è stata sospesa dalla decisione di Mosca se riaprire le valvole del gasdotto Nord Stream, che rifornisce principalmente la Germania, fornendo solo il 40% della sua capacità da metà giugno. Dans des propos à la presse dans la nuit de mardi à mercredi, il presidente russo Vladimir Poutine a laissé entender que le gasoduc pourrait redémarrer jeudi matin mais que si la Russie ne recevait pas une turbine de capacitil à 20% la prossima settimana. “Scusa”ha subito criticato la Germania.

Il presidente russo sperava anche nella ripresa delle esportazioni del Mar Nero di 20 milioni di tonnellate di grano ucraino che erano state congelate a causa della guerra. Notando i “progressi” al termine di un vertice a Teheran con i suoi omologhi turchi Recep Tayyip Erdogan e l’iraniano Ibrahim Raisi, ha immediatamente posto le condizioni. “Faciliteremo l’esportazione di grano ucraino, ma supponendo che tutte le restrizioni sulle possibili spedizioni di esportazione di grano russo vengano revocate”, ha affermato.

READ  Rive della Loira Sconosciute: il caldo ha asciugato il letto del fiume a Montjean-sur-Loire

La guerra ha portato a un balzo dei prezzi dei cereali (frumento, mais), insostenibile per i paesi più dipendenti dalle loro importazioni, come Egitto, Libano e Tunisia.