Maggio 21, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: “La resa non è un’opzione”

“La resa non è un’opzione perché la Russia non è interessata alle nostre vite. A loro non importa di lasciarci in vita”, ha detto l’ufficiale dell’intelligence ucraina Ilya Samoylenko durante una conferenza stampa trasmessa sul video.

Dai sotterranei del sito industriale, ha aggiunto: “Tutte le nostre forniture sono limitate. L’acqua è rimasta. Ci sono rimaste le munizioni. Porteremo le nostre armi. Combatteremo fino al miglior risultato di questa situazione”.

“Noi, i soldati della guarnigione di Mariupol, abbiamo assistito ai crimini di guerra commessi dalla Russia, dall’esercito russo. Noi ne siamo i testimoni”, ha aggiunto Samuelenko, che durante la conferenza ha parlato a volte ucraino ea volte inglese.

Per diverse settimane Mariupol è stata quasi completamente sotto il controllo russo. Solo le enormi acciaierie dell’Azovstal gli sfuggirono, che l’esercito russo bombardò incessantemente, così come i grandi attacchi a terra all’inizio di feroci battaglie.

Molti civili lì con i combattenti ucraini erano in condizioni terribili, fino a quando le ultime donne, gli ultimi bambini e gli anziani sono stati evacuati sabato, secondo Kiev.

La cattura di Azovstal consentirebbe a Mosca di prendere il pieno controllo di Mariupol, un porto strategico all’estremità meridionale del Donbass, abitato da quasi mezzo milione di persone prima della guerra, ma quasi completamente distrutto da due mesi di assedio e bombardamenti russi.

READ  La Russia non mira a porre fine alla guerra in Ucraina il 9 maggio