Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la centrale nucleare di Zaporizhia ancora una volta disconnessa dalla rete, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia atomica

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha offerto oggi al suo omologo russo Vladimir Putin la mediazione della Turchia nella crisi della più grande centrale nucleare d’Europa, situata nell’Ucraina meridionale.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha affermato che la separazione dell’impianto, avvenuta in realtà il 25 agosto, è avvenuta “dopo un nuovo bombardamento dell’area”.

Tuttavia, l’impianto continua a funzionare “grazie alla linea di emergenza” che lo fornisce, consentendo il raffreddamento del combustibile nucleare, come stabilito dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

La perdita totale di potenza all’impianto – in caso di interruzione dell’alimentazione dall’esterno e di mancato funzionamento dei generatori di emergenza – può causare il surriscaldamento degli impianti.

Per settimane, i bombardamenti hanno preso di mira regolarmente il sito della centrale, di cui Russia e Ucraina si accusano a vicenda, mettendolo a rischio di un grave disastro nucleare.

Sabato sono proseguiti gli scioperi e i combattimenti in altre parti dell’Ucraina.

Nel Donbass (est) a cui Mosca aspira, la principale linea del fronte, “l’esercito russo sta attaccando nella mia direzione Bakhmut e Avdishvka”, ha indicato l’esercito ucraino in un comunicato stampa, che riportava anche “cinque attacchi” dell’Aeronautica ucraina Forza vicino a Donetsk e Pevdeny.

Al centro, raid russi hanno ucciso un bambino di nove anni e ferito gravemente 10 persone a Zelenodolsk nella regione di Dnipropetrovsk (centro), secondo le autorità ucraine, che hanno anche denunciato “intensi bombardamenti nella regione di Novgorod-Seversk” (nord ). ) vicino al confine russo con “più di 50 esplosioni” senza vittime.

Combattimenti vicino alla centrale elettrica

Oggi, in una conversazione telefonica, il presidente Erdogan (a Vladimir Putin) ha affermato che la Turchia potrebbe svolgere un ruolo di facilitazione nella centrale nucleare di Zaporizhia, come ha fatto per l’accordo sul grano” a luglio, ha affermato la presidenza turca in una nota.

READ  Guerre en Ucraina: l'UE arme Kiev affronta l'imminence de la bataille du Donbass

Il Cremlino ha confermato una discussione tra il MM. Putin ed Erdogan hanno notato di aver confermato la loro volontà di “accrescere le loro relazioni economiche e commerciali”, attraverso “progetti strategici congiunti in campo energetico”.

Il comunicato stampa turco non specificava se Ankara avesse formalmente offerto la sua mediazione all’Ucraina.

La Turchia vuole presentare una proposta che prevede, come per il Grain Agreement, di istituire un ufficio a Istanbul dedicato al dialogo tra organizzazioni internazionali, Russia e Ucraina per trovare un punto di accordo sul tema del controllo tecnico e dell’ispezione di una fabbrica .

La Turchia mantiene buone relazioni sia con Mosca che con Kiev. Sebbene Ankara abbia fornito all’Ucraina droni militari, ha rifiutato di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

A luglio, un accordo tra Russia e Ucraina, ottenuto dopo la mediazione turca, ha consentito la ripresa delle esportazioni di grano ucraino, ostacolate dal blocco navale russo di Kiev nel Mar Nero.

La situazione della centrale elettrica di Zaporizhia, caduta in mano alle forze russe a marzo, poco dopo che Mosca ha lanciato l’invasione dell’Ucraina, preoccupa molti leader internazionali.

Il ministero della Difesa russo, nel suo aggiornamento quotidiano delle operazioni in Ucraina, ha affermato sabato che le truppe a Mosca avevano “respinto” il giorno prima un tentativo di assalto anfibio da parte delle forze ucraine che avevano “tentato di nuovo di impadronirsi” del centro.

Kiev ha dichiarato venerdì di aver bombardato una base russa nella città di Energodar vicino alla fabbrica, accusando la Russia di ritirare le sue armi prima dell’ispezione di giovedì da parte di un team dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

READ  I giornalisti incontrano 2.000 migranti bloccati in Bielorussia: ecco i loro background e condizioni di vita

A seguito dell’ispezione, il direttore dell’AIEA Rafael Grossi ha dichiarato giovedì di aver scoperto che “l’integrità fisica” dell’impianto era stata “violata in diverse occasioni”. Ha aggiunto che si trattava di “qualcosa che non può continuare” senza nominare il responsabile.

“Inverno di guerra”

E sull’altrettanto spinosa questione del gas, dopo che venerdì sera il gruppo russo Gazprom ha annunciato l’estensione della sospensione delle proprie esportazioni verso l’Europa attraverso il gasdotto Nord Stream, l’Unione Europea ha confermato sabato la propria disponibilità al taglio totale. di gas russo.

“Siamo ben preparati a resistere all’uso eccessivo di armi a gas da parte della Russia”, ha affermato il commissario europeo per l’Economia Paolo Gentiloni. Chiediamo ai russi di rispettare i contratti, ma in caso contrario siamo pronti a rispondere”.

Secondo Gazprom, il Nord Stream, che collega la Russia con la Germania settentrionale, dovrebbe essere chiuso “completamente” fino a quando le turbine non saranno riparate. Il gruppo russo non ha specificato una data per la ripresa delle attività.

L’annuncio di Gazprom è arrivato dopo che le nazioni del Gruppo dei Sette venerdì hanno deciso di prendere di mira gli improvvisi guadagni energetici della Russia fissando il prezzo del suo petrolio.

Venerdì, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha stimato che “è giunto il momento” di limitare il prezzo del gas importato attraverso il gasdotto dalla Russia.

Gentiloni ha osservato che le scorte di gas dell’UE stanno attualmente abbondando “di circa l’80%” grazie alla “diversità dei fornitori”, anche se la situazione varia da paese a paese.

Segno della gravità della situazione, la Svezia, che teme un “inverno di guerra”, ha indicato oggi, sabato, che intende fornire garanzie finanziarie alle compagnie energetiche dei paesi nordici e baltici, per un valore di diversi “miliardi di dollari”, in per evitare una crisi finanziaria causata dalla scarsità di energia in Europa.

READ  Il piccolo corridore scomparso a Mayen è stato ritrovato vivo