Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Istanbul, rifugio per i russi in fuga dalla decisione di mobilitazione di Putin

Il sollievo e la preoccupazione per i propri cari stanno stimolando un afflusso di russi che sabato sono sbarcati a Istanbul per sfuggire all’annuncio del Cremlino di una parziale mobilitazione dei suoi soldati per continuare la sua offensiva in Ucraina.

Da mercoledì, quando il presidente Vladimir Putin ha annunciato la prima mobilitazione russa di uomini in età da combattimento dalla seconda guerra mondiale, il prezzo di alcuni biglietti da Mosca è aumentato di dieci volte.

Tra le persone che li hanno incontrati frettolosamente portando i loro bagagli, nessuno ha voluto rivelare i loro nomi completi per paura di rappresaglie da parte della polizia russa nei confronti di coloro che non erano partiti.

Tutti descrivono un’ansia che non provavano dai primi giorni dell’invasione russa del suo vicino, il 24 febbraio.

“Abbiamo parlato con i nostri amici e molti stanno pensando di andarsene”, dice Daria, 22 anni. “Non tutti volevano partire a febbraio. La decisione del 21 settembre ha costretto molti di loro a ripensarci”.

Suo marito Andrei, 23 anni, dice di aver pensato di partire sin dai primi giorni della guerra. La mobilitazione è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. “Molte persone hanno deciso di andarsene immediatamente”, dice.

Paura di chiudere i confini

L’ordine di mobilitazione di Putin mira ad arruolare centinaia di migliaia di soldati dopo una serie di battute d’arresto che sembrano aver alterato il corso dei sette mesi di guerra.

La Turchia, una delle principali destinazioni di vacanza per molti russi, è uno dei pochi paesi che offre ancora voli dalla Russia. Non sono tenuti a ottenere un visto e facilita i viaggi dell’ultimo minuto.

READ  Il soggiorno di Donald Trump a Mar-a-Lago, una calamita per le spie

Quindi i voli per la Turchia sono stati sospesi non appena la pubblicità televisiva di Putin ha fatto salire alle stelle i prezzi dei biglietti, rendendo la fuga troppo costosa per molti.

Turkish Airlines ha anche iniziato a utilizzare aerei più grandi sulle rotte verso la Russia perché non è stata immediatamente in grado di programmare più voli.

“La Turchia è la nostra destinazione intermedia – spiega Darya – Siamo qui temporaneamente perché c’è il rischio che le frontiere vengano chiuse definitivamente”.

Sasha, un uomo d’affari di 48 anni, dice di conoscere persone che cercano di scappare ma non ci riescono. “Penso che molte persone vogliano lasciare la Russia, ma ci sono pochissimi voli”, ha detto all’AFP in aeroporto.

Secondo lui, è difficile valutare il vero stato d’animo dei russi dopo l’ordine di mobilitazione, perché alcuni sostengono ancora la guerra e sono pronti a combattere. Non c’è consenso in Russia ora. Alcune persone supportano Putin e altre no.

Aggiunge che molti hanno anche paura di esprimere le proprie opinioni. “Certo che sentiamo la pressione. In Russia c’è un sistema di monitoraggio facciale. E se qualcuno vede la tua faccia, è molto facile identificarti”.

“Questa intervista può essere interpretata come negativa per l’esercito russo. In futuro, le persone che rilasciano un’intervista del genere potrebbero avere problemi”, aggiunge.

Andrei dice di essere particolarmente preoccupato per uno dei suoi amici d’infanzia. “Il mio amico non ha potuto acquistare un biglietto perché costa già 400.000 rubli (7130 euro). È dieci volte più costoso di prima”.