Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: il Cremlino attacca cinque paesi dell’UE

L’elenco include già tutti i paesi dell’UE, che la Russia richiede per pagare le merci russe in rubli, una richiesta che la maggior parte dei paesi non era disposta a soddisfare. La richiesta di pagamenti in rubli mira in particolare a rafforzare la valuta ea fornire valuta forte alle banche russe che sono state tagliate fuori dalle reti finanziarie internazionali a causa delle sanzioni. Il cambio di status per Croazia, Danimarca, Grecia, Slovacchia e Slovenia si sta concentrando sulla capacità delle loro ambasciate in Russia di reclutare personale locale, che il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha definito un altro passo.

In base alle nuove regole, Croazia e Slovenia non possono più assumere russi nelle loro ambasciate, mentre gli altri tre paesi sono soggetti a condizioni più severe. Peskov ha affermato che potrebbero emergere ulteriori restrizioni. Ha detto che la nuova sanzione diplomatica era il risultato di politiche ostili da parte di quei paesi, ma non ha elaborato.

La Russia ha iniziato a stilare la sua lista di stati ostili lo scorso anno, che inizialmente includeva solo la Repubblica Ceca e gli Stati Uniti. Da allora è stato esteso a tutti i paesi che hanno imposto sanzioni alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

READ  Ridicolo, chiunque si sarebbe fermato in questa situazione.