Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina il 7 luglio: Putin sfida l’Occidente, il suo esercito bombarda il Donbass

Ieri i civili hanno continuato a evacuare la città di Slovinsk, bombardata nell’Ucraina orientale, Il prossimo obiettivo e priorità delle forze russe nel loro piano per la completa conquista del bacino del Donbass. “L’evacuazione è in corso”, Lo ha detto il sindaco Vadim Lyach. “Rimangono 23.000 residenti” A Sloviansk, che ne contava circa 110.000 prima del conflitto.

“Al momento c’è il confronto più feroce tra Sloviansk e Bakhmut”.riassunto nel suo discorso serale, Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Dopo aver mangiato Lysytchansk domenicaL’esercito russo afferma che quasi tutta la provincia di Lugansk è nelle sue mani, cosa che gli ucraini continuano a negare. “Ci sono sempre combattimenti in due villaggi”, Mercoledì ha rassicurato il suo governatore.

I civili temono l’occupante. Come a Mariupol, i russi stanno costringendo i residenti a svolgere compiti pericolosi o indesiderabili come lo sminamento. Secondo quanto riferito, otto persone sono state uccise durante le operazioni di sminamento forzato.

I russi stanno ora cercando di occupare la seconda provincia del Donbass, la provincia di Donetsk, per occupare l’intero bacino minerario, I separatisti filo-russi hanno un controllo parziale dal 2014. Ma per questo hanno bisogno di catturare Sloviansk e Kramatorsk, le sue due città più grandi in mano agli ucraini.

I russi, che stanno ancora bombardando la regione di Mykolaiv (sud), hanno denunciato gli scioperi che martedì e mercoledì hanno ucciso almeno due persone, le autorità ucraine. “Continua la minaccia di lancio di razzi nella regione di Mykolaiv” Perché la Russia “Mantieni quattro navi con armi ad alta precisione nel Mar Nero”si stima l’esercito ucraino.

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev Mercoledì ha parlato dell’uso delle armi nucleari, per escludere ogni possibilità di sanzioni contro Mosca da parte della giustizia internazionale, in un momento in cui la Corte penale internazionale (CPI) sta indagando sui presunti crimini di guerra commessi in Ucraina. Medvedev è molto attivo dopo le dimissioni di Boris Johnson, che non ha esitato a commentare su Telegram. I migliori amici di Kiev se ne vanno… La crisi che sta costando il posto a Johnson è la logica conseguenza dell’arroganza e della mediocrità della politica britannica, soprattutto sulla scena internazionale“.

READ  «L'Otan n'est pas en guerre contre la Russie. C'est la guerre de Poutine!"

E a Mosca, Il presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin ha dichiarato durante l’ultima sessione della Camera dei Deputati prima della pausa estiva: “Gli americani non dovrebbero dimenticare l’Alaska… Quando cercano di rubare le nostre risorse all’esterno, iniziano a pensarci due volte prima di agire, perché anche noi abbiamo qualcosa da recuperare“, ha detto, riferendosi alla proposta del suo vice, Pyotr Tolstoj, di tenere un referendum in Alaska per entrare a far parte della Federazione Russa. È un tema ricorrente in Retorica della vendetta russa.

Segui gli eventi di questo 134° Giorno della Guerra in diretta qui sotto: