Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Grazie alla donazione italiana, le crociate a Saida le hanno regalato una seconda giovinezza

Lo Chateau de la Terre a Sidone è stato inaugurato il 12 ottobre dall’ambasciatore italiano Nicoletta Bombardiere e dal ministro della Cultura Mohamed Wissam Mortada, a seguito di lavori di ristrutturazione finanziati dal governo italiano per un costo di 50 650.000.

L’archeologo e architetto Jean-Yasmin afferma che lo Chateau de la Terre, o Château Saint-Louis, e la sua torre erano in uno stato di abbandono molto pericoloso. È stato responsabile della gestione e del funzionamento del progetto dal 2014 per conto del Council for Development and Reconstruction (CDR), spiegando che la sua forma è stata costruita attorno a un grande teatro come Bosra al-Sam. Nell’Oriente romano, la Direzione Archeologica Libanese (DGA) effettuò “scavi profondi” negli anni Sessanta, sperando di trovare le fondamenta dell’emisfero romano. Non lo hanno visto. “I romani probabilmente avevano un piano per costruire un teatro, ma il loro lavoro non fu completato.

Vomitoria o Vomitorai Sidone divenne il capo, dopo essere stata assediata dai crociati, prima di raggiungere le aperture che avrebbero “vomitato” la folla, nelle cantine degli anfiteatri o dei teatri romani dove si aggiravano gli spettatori. La presa. Inoltre, tra il 1250 e il 1254, per migliorare le difese della città, il re St. Louis costruì una nuova fortezza, il Chateau de la Terre, sulle rovine di monumenti romani e fatimida.

Porta delle Crociate, conosciuta anche come Fortezza della Terra. foto DR

L’85% del budget è destinato al consolidamento

Durante gli anni ’40 e ’50, Jean Yasmin ha osservato: “Il forte era alto il doppio di quello attuale. All’inizio degli anni ’50, si è deciso di integrare strutturalmente l’edificio con il DGA in preparazione del progetto CHUD. , Spiega.

READ  Immagine - massiccia, protesta, contro, salute italiana, pass? No, una parata techno a Zurigo

Per saperne di più

Il tempio romano è emerso dalle macerie del pneumatico

Anche le superfici della facciata storico-archeologica del forte sono state restaurate a livello artistico da esperti italiani. Si prevedeva invece di costruire una piattaforma Belvedere con vista sulla città vecchia in cima alla torre sud del forte e di allestire un pannello esplicativo dei monumenti di Saida. Tuttavia, questi progetti sono stati rinviati a una data successiva quando saranno disponibili nuovi finanziamenti. “L’importante è che oggi il forte poggi su solide fondamenta. L’ampliamento del sito, iniziato oggi con lo sviluppo del Vomitorium, crescerà in seguito e garantirà i nuovi budget della DGA; tutte le specifiche tecniche e capitolati preparati dagli esperti italiani gli sono stati dati”, afferma Yasmin. La sicurezza del pubblico oggi è una priorità.

Vomitorium, un’organizzazione istituita dai romani. foto DR

Con L-Esley sotto i bisturi

Nell’unico passaggio chiuso del castello sono esposti venti oggetti selezionati dai depositi della DGA e dagli scavi di Saida. Sono presenti pannelli descrittivi sulla storia del forte e della città. Sono allestite la biglietteria e i servizi igienici. Allo stesso modo, per proteggere il monumento, esiste un muro di cemento armato intorno al sito dove è stata creata una vasta area di terreno, consentendo così alla città di creare eventi culturali. Oggi il castello è di nuovo nel petto della DGA. Ne è responsabile l’archeologa Miriam Giade, che ha partecipato attivamente al suo restauro; È stato assistito dall’archeologa Lana Shehate, responsabile della supervisione dei lavori tra il 2014 e il 2019. Marisa Galia, esperta del patrimonio e supervisore del progetto per conto dell’agenzia italiana, sottolinea l’importanza di preservare il patrimonio culturale. Crescita economica sostenibile nella città vecchia.

READ  L'italiano Filippo Baroncini è diventato campione del mondo, mentre Thibaut Niss è arrivato sesto

Per memoria

Due studi svelano il mistero delle crociate a Sidone

E il prossimo progetto, finanziato dal governo italiano a Saïda, è di 2 milioni di , incentrato sulla ristrutturazione del Con L’Eslay. I lavori sono iniziati. Situato nel Souk tradizionale di Sa சூda, l’edificio del XVIII secolo è ora in una fase di ristrutturazione, integrazione e aggiornamento, diventando aree aperte al pubblico come centri dedicati alla formazione e allo sviluppo del prodotto. La futura gestione del centro sarà assicurata da un’organizzazione della società civile di Saida, che fornirà un piano d’azione al termine dei lavori. Alla cerimonia di apertura hanno partecipato anche i rappresentanti della regione, l’ex Direttore Generale Sarkis L-Gauri, il Presidente del CDR Nabil El-Jisr, il Sindaco e il Direttore dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. (AICS) Alessandra Piermattei e Direttore Finanza di CDR, Wafa Charafeddine. Il progetto fa parte del progetto Patrimonio Culturale e Sviluppo Urbano (CHUD) finanziato dalla Banca Mondiale, dal Dipartimento per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri italiano e dall’Agenzia per lo Sviluppo francese. Si tratta dello sviluppo di cinque città storiche: Byblos, Tiro, Balbec, Saida e Tripoli.

Lo Chateau de la Terre a Sidone è stato inaugurato il 12 ottobre dall’ambasciatore italiano Nicoletta Bombardiere e dal ministro della Cultura Mohamed Wissam Mortada, a seguito di lavori di ristrutturazione finanziati dal governo italiano per un costo di 50 650.000. Chatto de la Terre, o Chatto Saint-Louis e la sua torre è molto …