Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Grande polemica nell’azienda Engie, che ha promesso una ricompensa di 1.500 euro e poi l’ha “recuperata” a 10.000 lavoratori: un “errore”


Questa lettera, pervenuta ai lavoratori dell’azienda, ha confermato i risultati finanziari dei primi nove mesi del 2022, che non a caso sono buoni perché rappresentano un aumento del 79,3%!

E questo non è stato l’unico messaggio ricevuto, oltre a questi risultati, è stata promessa una somma totale di 1.500 euro “grazie per il contributo decisivo di ciascuno quest’anno”.

I 10.000 lavoratori coinvolti (della Divisione Servizi raggruppati sotto la nuova insegna “Equans”) sono stati tutti felicissimi di ricevere di persona questa bella notizia. Ma c’è stato un intoppo. Il 4 ottobre 2022, Angie ha formalizzato la vendita della sua divisione servizi a Puig.

Niente più premi per quei 10.000 lavoratori! vero colpo.

“A seguito di un errore nelle liste di distribuzione lato Engie, il messaggio che ho ricevuto giovedì scorso riguardante un bonus unico… Questo bonus vale solo per le entità che ora fanno parte del gruppo Engie e quindi non si applica ai dipendenti Equans.. “Engie si scusa per questo errore e per la confusione causata da questo contatto. La direzione di Equans non può che deplorare questa situazione: siamo in contatto con Engie in modo che questa situazione non si ripeta in futuro…”

Un completo malinteso da parte dei lavoratori che hanno comunque partecipato agli ottimi risultati dei primi nove mesi del 2022. Tanto più che Bouygues ha acquistato Equans per… 6 miliardi di euro.

READ  Chiusura di negozi C&A in Belgio: cosa sappiamo sui licenziamenti

Le corporazioni si spostarono immediatamente sia nel nord che nel sud del paese.