Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gorillaz lascia il mercato italiano e i suoi 540 dipendenti

Terminate le restrizioni sanitarie, la startup tedesca ha scelto di puntare solo sui mercati più redditizi, escludendo i suoi consumatori e lavoratori italiani.

“Sei veloce, ma siamo veloci” (“Sei veloce, ma siamo veloci” in francese).
Con questo slogan la start-up berlinese dell’home shopping conquista l’Italia. Affermando di consegnare i prodotti ordinati alle porte dei clienti in soli 10 minuti, la piattaforma è cresciuta in modo esponenziale dal suo lancio nella primavera del 2020, beneficiando delle restrizioni sanitarie globali per raggiungere una valutazione di quasi 3 miliardi di euro. La startup, infatti, si è resa indispensabile in carcere offrendo un servizio di consegna di oltre 2.000 generi alimentari.

Gorillaz è arrivato in Italia un anno fa e ha corso in 5 città: Milano, Roma, Torino, Bergamo e Firenze. Quindi l’azienda ha offerto un lavoro, ma anche assicurazione sanitaria, assicurazione contro gli infortuni e congedi retribuiti ai propri dipendenti, differenziandosi da altre piattaforme di consegna come UberEats o Deliveroo.

Alla fine, o almeno con l’allentamento delle restrizioni sanitarie molto forti, la start-up ha visto diminuire i suoi ricavi e ha iniziato una profonda ristrutturazione delle sue operazioni, portandola a concentrarsi sui suoi cinque mercati più redditizi. % dei suoi ricavi: Francia, USA, Paesi Bassi, Regno Unito e Germania. Pertanto, il 24 giugno Gorillaz ha annunciato il suo ritiro dal mercato belga, e oggi in Italia iniziano le procedure di cassa integrazione e liquidazione. L’improvviso ritiro della start-up potrebbe estendersi ad altri mercati in Spagna o Danimarca, ad esempio le voci si stanno già diffondendo.
La società ha dichiarato di aver già chiuso i magazzini a Roma, Bergamo e Milano e prevede di chiuderne altri nelle prossime settimane. I 540 lavoratori italiani coinvolti, di cui 75 a tempo indeterminato, si trovavano quindi in una situazione di precarietà e pochissimi ricorsi sindacali.

READ  Khaby Lame, l'italiano di TikTok, è nel tuo piano

Zora de Coste