Agosto 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Google ritarda l’eliminazione graduale dei cookie pubblicitari in Chrome fino al 2024, per consentire a più parti di valutare e testare le API Privacy Sandbox

Google ha annunciato che sta ritardando il suo ambizioso piano per rimuovere i cookie di tracciamento di terze parti nel suo browser Chrome fino alla seconda metà del 2024. La società ha affermato che i commenti hanno mostrato che gli inserzionisti avevano bisogno di più tempo per testare la tecnologia. Questa è la seconda volta che Google ha respinto l’implementazione della sua alternativa ai cookie chiamata Privacy Sandbox. Le pressioni normative hanno rallentato la diffusione della tecnologia, ma Google potrebbe ottenere l’approvazione delle autorità di regolamentazione entro la nuova data di lancio. Tuttavia, questa tecnologia è ancora oggetto di denuncia da parte di attori influenti del web.

Il piano di Google di rimuovere i cookie di terze parti da Chrome è un passaggio che cambierà il modo in cui gli annunci vengono indirizzati sui siti web. La società afferma di aver collaborato con editori, marketer e autorità di regolamentazione sul suo piano per sostituire i cookie di terze parti. Attualmente, i cookie sono il mezzo principale che gli esperti di marketing utilizzano per tracciare l’attività online degli utenti e personalizzare gli annunci di conseguenza. Tuttavia, Google, leader mondiale nella pubblicità online e sviluppatore di Chrome, il browser più utilizzato al mondo, ha deciso di farne a meno.

iniziativa un favore sotto il nome Privacy Sandbox. In un post sul blog pubblicato mercoledì, Google ha affermato che ritarderà il passaggio al nuovo sistema per dare ai marketer più tempo per testare i suoi strumenti. Il feedback più coerente che abbiamo ricevuto è che è necessario più tempo per valutare e testare le novità nella sandbox per la privacy prima di disattivare i cookie di terze parti in Chrome. “Ora intendiamo iniziare a eliminare gradualmente i cookie di terze parti in Chrome nella seconda metà del 2024”, ha scritto Anthony Chavez, vicepresidente di Privacy Sandbox.

Google ha originariamente annunciato l’intenzione di eliminare gradualmente il supporto per i cookie di tracciamento di terze parti in Chrome entro due anni dall’inizio del 2020, ora circa due anni e mezzo fa (una pandemia globale). pressione organizzativa per entrare Un ritardo precedente lo ha spinto nella finestra del 2023. Competizione e mercati (CMA), quindi questa potrebbe essere l’ultima volta che viene rimandato.

READ  Samsung Galaxy S22 contre Galaxy S21, queste sono le differenze?

Chavez ha annunciato mercoledì che le prove di questi nuovi strumenti pubblicitari sensibili alla privacy si estenderanno a più utenti all’inizio di agosto, per poi aumentare nel resto di quest’anno e nel 2023. Google ha rilasciato versioni beta di una serie di nuove API Sandbox per la privacy in Chrome per gli sviluppatori da provare. . Queste API includono “Fledge” e “Topics” che secondo la società raggiungono un equilibrio tra il mantenimento della privacy e il perseguimento dell’economia della pubblicità online che sono al centro della sua attività.

Se stai utilizzando una versione di prova di Chrome, potrebbe essere già attiva per te. Inoltre, la decisione di Google di rimuovere i cookie riflette i passi intrapresi da Apple, che lo scorso anno ha sconvolto il mercato della pubblicità digitale limitando l’accesso degli inserzionisti ai dati degli utenti nel suo sistema operativo iOS. Tuttavia, poiché i guanti tecnologici vengono sottoposti a un maggiore controllo antitrust, alcuni esperti temono che la decisione di Google di rimuovere i cookie rafforzerà il suo potere nel mercato della pubblicità digitale, dove svolge già un ruolo dominante.

Il Privacy Sandbox Project mira a collaborare con l’ecosistema per sviluppare alternative ai cookie di terze parti e ad altre forme di tracciamento tra siti che mantengano la privacy. Suggerisce di utilizzare un algoritmo nel browser, Unified Learning Groups (FLoC), per analizzare l’attività degli utenti e creare un identificatore di “preservazione della privacy” che può essere utilizzato per il targeting. Google afferma che Privacy Sandbox è più anonimo dei cookie, ma EFF (Electronic Frontier Foundation)Dekrit Come “l’antitesi della tecnologia della privacy” e vicino a un “punteggio di credito comportamentale”.

READ  La prima missione spaziale entièrement privée est arrivée à l'ISS

Privacy Sandbox ha anche spinto le autorità di regolamentazione a considerare se gli obiettivi pubblicitari di Google siano anticoncorrenziali. Nel gennaio 2021, la Capital Markets Authority del Regno Unito ha annunciato l’intenzione di concentrarsi sui potenziali impatti del Privacy Shield su editori e utenti. E a marzo, 15 procuratori generali statunitensi e portoricani hanno modificato una causa antitrust presentata lo scorso dicembre, affermando che le modifiche alla Privacy Sandbox costringerebbero gli inserzionisti a utilizzare Google come mezzo pubblicitario. Una pratica che impedisce ai suoi rivali di competere con lui.

All’inizio di quest’anno, Google ha raggiunto un accordo con la CMA su come sviluppare e pubblicare Privacy Sandbox in Chrome. Tuttavia, i concorrenti di Google ritengono che Privacy Sandbox incoraggi la centralizzazione, minacci la scelta dell’utente e sia in conflitto con il desiderio della comunità di creare un Web più aperto. Privacy Sandbox consoliderà la posizione di Google come monopolio sul web. Come altri hanno sottolineato, “Le reali protezioni della privacy renderanno il Web più competitivo e aperto”, ha scritto il team di Brave Browser in un post sul blog di gennaio.

Ha aggiunto che il Privacy Sandbox è esattamente l’opposto: una proposta cinica che adotta il linguaggio e i colori della comunità della privacy abbastanza da tenere a bada le autorità di regolamentazione, mentre praticamente avvantaggia il monopolio di Google, a spese del web in generale. Il team trova difficile, se non impossibile, affidarsi a Google per proteggere la privacy degli utenti di Internet, quando è il principale artefice dell’attuale stato del web. “È lecito sospettare che qualcuno venda antidoti dopo che si è arricchito avvelenando i pozzi”, ha detto il team.

READ  Apple al lavoro su AirPower 2 e ricarica contactless

Allo stesso modo, la comunità web dovrebbe dubitare delle promesse (e delle intenzioni) di Google sulla privacy dopo che Google ha trascorso decenni a sfruttare (e perpetuare) i peggiori abusi della privacy del web.), ha affermato. Altri lettori web, tra cui Amazon e altri WordPressSi sostiene inoltre un comportamento anticoncorrenziale da parte di Google.

fonte : Il Google

E tu?

Cosa ne pensi della questione?
Cosa ne pensi dell’iniziativa di Google di sostituire i cookie in Chrome?
Secondo te, ci si può fidare di Google per proteggere la privacy degli utenti di Internet?
Cosa ne pensi delle argomentazioni avanzate da EFF e Brave contro l’implementazione della Privacy Sandbox?

Guarda anche

Google spinge a ritirare la tecnologia di monitoraggio degli annunci FLoC 2023, dopo le pressioni di attori del settore, autorità di regolamentazione e difensori dei diritti digitali

Amazon blocca FLoC, il nuovo sistema di monitoraggio degli annunci di Google, e potrebbe essere un duro colpo per il sistema che dovrebbe sostituire i cookie pubblicitari di Chrome

EFF afferma che FLoC di Google è un’idea terribile, il nuovo metodo di tracciamento per sostituire i cookie di terze parti creerà nuovi rischi per la privacy

WordPress prevede di trattare il FLoC di Google come un problema di sicurezza e potrebbe disabilitarlo automaticamente dai siti Web, CMS afferma che occupa circa il 41% del Web