Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gol C1 e poi Lega delle Nazioni a favore di Eden Hazard

È bello rivedere il numero 7 del Real Madrid in campo. Soprattutto quando si sviluppa indolore e mentalmente liberatorio. Domenica sera, Eden Hazard è rientrato dopo un intervento chirurgico alla caviglia dopo appena mezz’ora di gioco al termine della partita.

L’opportunità di rendersi conto effettivamente che l’obiettivo dell’intervento chirurgico sembra essere stato raggiunto. Hazard si sbarazzò della sua lastra di metallo causandogli un po’ di fastidio, e non esitò a proiettarsi in avanti non appena ne ebbe la possibilità.

L’abbiamo già visto provare alcune schivate, mettere diverse accelerazioni nell’asse e usare facilmente il suo corpo per causare incidenti quando la sua velocità massima era un po’ carente. Anche due dei difensori del Cadice sono stati schierati in giallo a causa sua.

Ma il capitano dei Red Devils non è riuscito a fare la differenza in un match molto complesso (1-1) contro una coraggiosa squadra di Cadice in lotta contro la retrocessione. Senza alcune grandi parate – tra cui un rigore – di Lunin (al posto di Courtois, è stato lasciato a riposo), il Real avrebbe probabilmente perso la partita.

Il fuoriclasse di Spagna non ha importanza. Questo incontro ha permesso soprattutto di offrire tempo di gioco ai giocatori meno utilizzati. E lascia che Eden Hazard segua il ritmo. Avrà occasione ancora una volta di mostrarsi domenica prossima contro il Betis, per poi essere pronto a giocare il 28 maggio allo Stade de France contro il Liverpool.

E poi ci saranno gli incontri della Lega delle Quattro Nazioni con il Belgio (3, 8, 11 e 14 giugno), prima di programmare la prossima stagione… a Madrid. “Il suo piano è abbastanza chiaro: resterà qui e lo farà con grande motivazione perché negli ultimi anni non si è divertito molto. Vuole mostrare le sue qualità e resta per dimostrarlo”.Ha licenziato Carlo Ancelotti che però dovrà fidarsi di più di lui.

READ  Alexander Plessin ha rifiutato di prendere il posto di Lee allo Standard: "Sono un grande club ma non sono un pompiere"

S. Ah.