Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli scienziati riproducono per la prima volta la pelle “viva” su un robot!

Saremo mai in grado di creare robot che assomiglino esattamente agli umani? No, ma ci stiamo avvicinando. Per la prima volta, i ricercatori hanno combinato la pelle “viva” in un braccio robotico.

Una pelle che sembra pelle umana, ed è ancora più viva, è ciò che gli scienziati dell’Università di Tokyo hanno creato. In uno studio pubblicato sulla rivista problemaE il Presentano un dito robotico ricoperto di pelle organica, che ha funzioni Impermeabile e guarigione. Il progresso può sembrare piccolo, ma ci avvicina notevolmente persone reali ! “Penso che la pelle viva sia la soluzione definitiva per far sembrare i robot come esseri viventi, perché sono esattamente gli stessi Materiale che copre il corpo degli animaliShuji Takeuchi, il primo autore dello studio, ha detto.

Ingredienti originali per la pelle umana

per ottenere questo strutturaI ricercatori hanno utilizzato un insieme di cellule viventi prodotte in laboratorio Basato su collagene. Miscela ispirata a Piantare Sostanze biologiche utilizzate in medicina per il trattamento di ferite e ustioni gravi. Per prima cosa immergono il dito del robot in una miscela di fibroso Pelle umana e collagene per produrre equivalenti dermaquindi ricopri tutto con cheratinociti pelle umana Crea una carnagione.

Poi tutto si è ristretto indurimentoavvolge il dito e forma pieghe simili a quelle del vero cuoio. “Il vantaggio del nostro metodo per coprire oggetti 3D nell’equivalente della pelle è l’uso del restringimento dei tessuti durante la coltura, che consente una copertura identica di oggetti 3D, in particolare quelli con superfici curve e irregolari”. , Scrivi ricercatori.

Per controllare l’outfit eflessibilità Dalla pelle, la squadra ne aveva diversi movimenti au dito automatizzatoe ha di più “Valutazione della funzione barriera degli equivalenti sintetici della pelle.” in laboratorio Con misure elettriche e prove ritenzione idrica “,” Come scrivono i ricercatori. E tutto è andato davvero bene! “il dito”aria Leggermente “inumidire” direttamente dal terreno di colturaS. Takeuchi, eccitato. Poiché il dito è alimentato da un motore elettrico, è anche interessante sentire il clic del motore all’unisono con un dito che sembra un vero dito. »

proprietà curative

Oltre alle sue proprietà estetiche e meccaniche, la nuova pelle creata ha delle proprietàAutojoersson. I ricercatori hanno applicato una benda di collagene dopo averli mangiati ” lesione ” Il dito robotico: il bendaggio si dissolve gradualmente nella pelle e così la ricostruisce! “La ferita è stata riparata dall’attività dei fibroblasti dermici dopo che lo strato di collagene è stato applicato al sito della ferita. Questi risultati dimostrano l’applicabilità dei robot racchiusi in materiali viventi alle funzioni biologiche e forniscono una nuova prospettiva sui materiali robotici”.

Ma questo è solo l’inizio, poiché lo studio ha concluso che la pelle sviluppata rimane più debole della pelle normale e lo richiede Approvvigionamento di nutrienti : Per il futuro, il team prevede di aggiungere neuroni sensorialisubordinato follicoli peloso chiodo e il Le ghiandole sudoripare. “Siamo stupiti dalla qualità del tessuto dermatologia Compatibile con la superficie del robotdice Takeuchi. Ma questo lavoro è solo il primo passo verso la creazione di robot ricoperti di pelle viva. »

La pelle problematica ha resistito a tutti i test! © Mater e Kwai e Il.

Tuo padre è fantastico appassionato di scienze E scoperte straordinarie? E se gli offrissi un Fantastica esplorazione scientifica In forma cartacea? beneficiare di -20% su Mag Futura (Offerta speciale: 15 euro invece di 19 euro): 220 pagine per esplorare 4 questioni scientifiche che daranno forma al nostro futuro!

Mag Futura è:

  • 4 domande chiave della scienza per il 2022, dalla Terra alla Luna
  • 220 pagine, 60 esperti: nessuna fake news, solo scienza
  • Consegna a domicilio con carta regalo elettronica
  • mezzi scientifici indipendenti

Interessato a quello che hai appena letto?