Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli influencer italiani avrebbero il loro sindacato per supervisionare questa nuova industria

Tutto è iniziato tre anni fa, ma il ritmo sta accelerando: l’Italia si prepara a lanciare nel 2023 il primo sindacato europeo per influencer e creatori di contenuti web.

Può sembrare strano o bizzarro, ma gli influencer online e i creatori di contenuti hanno bisogno di un sindacato. Il World Wide Web non è solo un regno brillante e frenetico di aziende ad alte prestazioni, ma anche un luogo in cui i lavoratori possono difendere i propri diritti.

Mira a fornire ai lavoratori di Internet, che attualmente non sono riconosciuti come dipendenti a tempo pieno, le stesse tutele fiscali e legali delle altre professioni.

Il sindacato intende anche fornire altri servizi come il supporto psicologico e la gestione delle loro attività quotidiane ai lavoratori di Internet.

Devi impostare un piano di comunicazione, rispondere ai follower, gestire i rapporti con i brand, trovare un’agenzia che ti supporti, leggere le statistiche di tutti i post e i contenuti che pubblichi, Spiega Jacopo Lerussi, presidente e fondatore di Assoinfluencer. La quantità di lavoro è enorme e devi arrivare a quel punto. “

Daniel Siniglio è un giovane attore e creatore di contenuti che ha trasformato un hobby in un vero lavoro. Come una decina di operatori del web, ha deciso di iscriversi al sindacato.

“È un lavoro completo che richiede più ore rispetto al normale orario d’ufficio, perché alcuni giorni lavorerò fino a sera e altri giorni mi gratterò la testa per fare qualcosa. La cosa fallita, spiega Daniele. È un’opera a sé stante e dovrebbe essere protetta come qualsiasi altra”.

“Un creatore può partecipare a un evento e far trasmettere la propria immagine come pubblicità oltre l’evento, ma ciò richiede un’approvazione specifica.Spiega Jacopo Ierussi. Finché consideriamo questo settore, ci saranno sempre tali problemi, che stiamo cercando di risolvere.

“Come creatore di contenuti non posso permettermi di pagare la mia quota ogni anno, ha concluso Daniele Ciniglio. Sono un lavoratore, secondo il governo italiano, nessuno lo sa.

Stelle nascenti che meritano di essere riconosciute, non solo dai loro fan

READ  Sonatrach e il gruppo italiano ENI: avvio della produzione di due giacimenti a gas a Bergin