Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli esperti vogliono che le piante abbiano gli stessi diritti degli esseri umani

Secondo gli esperti, citati da “The Guardian”, è fondamentale che animali, alberi o fiumi abbiano gli stessi diritti legali degli esseri umani.





par LePoint.fr

Le piante possono avere gli stessi diritti degli esseri umani se ascoltiamo questi scienziati.
© Philip Clement / MAXPPP / BELPRESS / MAXPPP

IlGli alberi, gli animali e i fiumi dovrebbero avere gli stessi diritti degli esseri umani? Questo è ciò che credono i ricercatori di “The Law Society”, che ritengono sia necessario combattere la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico, e questo consente la regolazione delle interazioni umane sugli elementi biologici, spiega Guardiano. Questa ipotesi ha anche precedenti: Ecuador e Bolivia Ha già leggi per proteggere il mondo naturale e le associazioni vogliono installare il termine “genocidio ambientale” per poter avviare procedimenti presso la Corte penale internazionale, riporta il quotidiano britannico.

Secondo la dott.ssa Trish O’Flin, coautrice del rapporto, queste leggi dovrebbero avere un’ampia copertura, proteggendo persino i tessuti cresciuti in laboratorio e persino i robot. “A volte ci vediamo al di sopra della natura (…) mentre ne facciamo parte, siamo solo un’altra specie. Ci capita di essere in cima all’albero evolutivo in qualche modo, se lo guardi in modo lineare, ma in realtà, l’ecosistema globale è molto più potente di noi.. Modo per ricordare che l’Uomo non è al di sopra degli altri…

Leggi ancheSul Reno “Le barche non sono più adatte alle acque basse”

READ  La salute mentale dei pazzi di Aliger Street è al centro dell'indagine

Le persone affrontano le proprie responsabilità

Con leggi come questa, ciò consentirebbe di creare un quadro giuridico, responsabilità e quindi “conseguenze di ciò che facciamo”, poiché governa il mondo. Il team di ricercatori punta in particolare alla biotecnologia, che vuole riportare in vita specie estinte o eliminare alcune specie esistenti, come le zanzare. “Non siamo abbastanza saggi da gestire tutte queste capacità e gestire gli effetti delle decisioni che prendiamo, quindi la giustizia può limitare tutto questo.

Tuttavia, gli studiosi concordano sul fatto che la concessione di diritti ad animali e piante può essere complicata in alcune parti del mondo. La legge sfiderà le tradizioni e le credenze locali. In Bolivia, ad esempio, sono state emanate leggi con l’influenza della popolazione indigena, per la quale la natura è di particolare importanza.