Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli astronomi si stanno preparando per un annuncio “rivoluzionario” sulla Via Lattea

Gli astrofisici dell’European Southern Observatory hanno appena annunciato una conferenza in cui presenteranno una misteriosa scoperta che viene presentata come “rivoluzionaria” riguardo alla Via Lattea.

Un team di famosi astronomi ha appena entusiasmato la comunità di tutti i professionisti dello spazio e gli hobbisti stuzzicando l’annuncio di una scoperta “rivoluzionaria” nella nostra galassia, la Via Lattea. Questi risultati saranno annunciati il ​​12 maggio e il minimo che possiamo dire è che c’è molto interesse.

In effetti, questo annuncio sorprendentemente misterioso e rumoroso sarebbe stato una favola se fosse arrivato da un laboratorio lambda. Ma in realtà è proprio l’opposto; Il comunicato arriva direttamente dal prestigioso Osservatorio europeo meridionale (ESO)un’istituzione che ovviamente di solito non cade per l’eccitazione.

Soprattutto, ha a che fare con i risultati relativiTelescopio Event Horizon (EHT). In questo contesto, il semplice accenno di una scoperta importante è sufficiente per far rabbrividire gli astronomi. E per una buona ragione: è la stessa macchina che ha permesso di produrre la stessa cosa La prima immagine diretta al mondo di un buco nero. Una grande mossa per i professionisti, ma anche per il grande pubblico che è rimasto affascinato da quest’aura rossa piena di tracce.

Da qualche tempo, il compito principale del team EHT è quello di Esaminando il cuore della nostra galassia. Quindi ci si può aspettare che la scoperta”rivoluzionario“L’annuncio dell’ESO si riferisce direttamente a quest’area. Per ora, la suspense rimane la stessa; ma qualunque cosa i ricercatori trovino lì, ritengono che valga la pena annunciarlo con grande clamore in una conferenza dedicata il 12 maggio.

READ  Des scientifiques réclament une vraie enquête sur le Covid à l'ouverture des Jeux de Pékin et dénoncent "un affront à la communauté scientifique"
Imaging a raggi X del segnale associato al Sagittario A*, ripreso qui dall’Osservatorio di raggi X Chandra. © Nasa

Un legame con Sagittario A*?

Nel frattempo, possiamo provare a formulare alcune ipotesi. Per fare ciò, possiamo iniziare a guardare le caratteristiche di questa zona. È generalmente accettato che la Via Lattea, come molte altre galassie, sia centrata su a Buco nero Mensola denominata A* (Sgr A*).

Tuttavia, come accennato in precedenza, l’EHT punta in quella direzione da diversi mesi. Se si aggiungono queste informazioni al suo lignaggio di cacciatore di buchi neri, si iniziano a delineare i contorni di uno scenario praticabile; Sembra sempre più plausibile che l’ESO stia per annunciare una grande scoperta sulla natura e le proprietà di Sagittario A*.

Perché anche se è generalmente accettato che si tratti di un buco nero, questa informazione non è stata verificata con assoluta certezza. I risultati più decisivi sono arrivati ​​dallo straordinario lavoro di Reinhard Genzel e Andrea Geis. Sono riusciti a dimostrare che Sgr A* è un oggetto supermassiccio estremamente compatto, rappresentato da un buco nero L’unica spiegazione ragionevole Sotto i modelli attuali.

Dal momento che questo lavoro pluripremiato Premio Nobel per la Fisica Per i suoi autori nel 2020 la comunità scientifica sta lavorando alacremente per confermare definitivamente lo stato del buco nero. Soprattutto, cercano di produrre un’immagine dell’orizzonte del buco nero nello spettro visibile, come nel 2019.

La prima immagine di un buco nero, prodotta da una giovane ricercatrice, Katie Bowman, utilizzando un algoritmo. © Event Horizon Telescope Cooperation et al.

Alla ricerca dei buchi neri, un esercizio complesso

Questo è stato davvero un risultato scientifico clamoroso. In effetti, i buchi neri lo sono per definizione Non molto impressionante. meHanno la fastidiosa abitudine di assorbire tutte le radiazioni elettromagnetiche, compresa la luce. È quindi fisicamente impossibile osservare il buco nero stesso.

READ  In Guadalupa il numero dei casi è quadruplicato in quattro giorni

Gli astronomi devono accontentarsi di cercare l’orizzonte, limite incarnato da A Il disco di gas e polvere che si accumula intorno alla singolarità Pur emettendo radiazioni molto intense. È per questo motivo che l’immagine di un buco nero trasmessa alle generazioni future ha la forma di un anello.

La foto è stata annunciata a Sgr A* più complicato. In effetti, questo gigante cosmico è stato finora osservato solo indirettamente, grazie alla massa e all’orbita degli oggetti vicini. Se è difficile da notare direttamente, è perché è parzialmente oscurato da a Enorme nuvola di polvere e gas; Un ostacolo che complica enormemente il compito degli astronomi. Se davvero fossero riusciti a produrre un’immagine del suo orizzonte, la descrizione “rivoluzionaria” usata dai ricercatori sarebbe quindi pienamente giustificata.

Indipendentemente dal fatto che questo sia o meno l’argomento di questa conferenza, vi diamo appuntamento il 12 maggio alle 15 per questa conferenza già annunciata. Favoloso in molti modi; L’annuncio sarà trasmesso in diretta sul canale YouTube dell’ESO.