Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli astronomi hanno scoperto uno dei più grandi buchi neri mai scoperti

Gli astronomi hanno scoperto uno dei più grandi buchi neri mai scoperti

Questo buco nero supermassiccio ha una massa equivalente a più di 30 miliardi di volte la massa del sole, secondo lo studio pubblicato questa settimana sulla rivista scientifica della British Royal Astronomical Society.

È il primo ad essere caratterizzato grazie alla tecnologia di rilevamento della lente gravitazionale. Questo fenomeno è causato da un oggetto così massiccio da piegare lo spazio-tempo. Pertanto, la luce proveniente da una sorgente distante appare distorta quando passa nelle vicinanze.

Ma mentre possiamo osservare una galassia, non possiamo letteralmente vedere un buco nero. Questo oggetto cosmico ha la particolarità di essere così denso che nemmeno la luce può sfuggire, rendendolo invisibile.

Questa volta sono stati gli astronomi “Tante opportunitàJames Nightingale, astronomo della Durham University britannica e primo autore dello studio, spiega ad AFP. Sono stati in grado di osservare la luce di una galassia lontana dietro il buco nero, il cui percorso sembrava essere distorto dal buco nero, a due miliardi di anni luce dalla Terra.

Si dice che la maggior parte delle galassie abbia un buco nero al centro. Ma anche adesso, per rilevarne l’esistenza, era necessario osservare le emissioni di energia che produce assorbendo la materia in cui si è avventurato così da vicino. Oppure osservandone l’effetto sul percorso delle stelle che le ruotano intorno.

Tuttavia, queste tecniche funzionano solo con buchi neri sufficientemente vicini alla Terra.

La tecnologia delle lenti gravitazionali consente agli astronomi di farlo “Buchi neri scoperti nel 99% delle galassie attualmente inaccessibili” All’osservazione tradizionale, perché è così lontana, si riferisce all’astronomo.

La missione Euclid dell’Agenzia spaziale europea, il cui lancio è previsto per luglio, inaugurerà “l’era dei big data” per i cacciatori di buchi neri, creando una mappa ad alta risoluzione di una parte dell’universo.

READ  Et si finalement les écrans avaient un impact positif sur notre sommeil

Secondo lo scienziato, per sei anni di osservazione Euclid è riuscito a rilevare fino a 100.000 lenti gravitazionali, comprese diverse migliaia di buchi neri.

La scoperta, fatta dall’astronomo e dai suoi colleghi, si è basata su simulazioni al computer e immagini ottenute dal telescopio spaziale Hubble.

Queste osservazioni confermano e spiegano quelle fatte 18 anni fa dall’astronomo della Durham University e collega di James Nightingale, Alastair Edge, che sospettava un buco nero al centro della galassia Abell 1201.