Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli astronauti della NASA affermano di essere fiduciosi che lo Starliner della Boeing possa riportarli a casa

Gli astronauti della NASA affermano di essere fiduciosi che lo Starliner della Boeing possa riportarli a casa

I primi due astronauti a volare sulla capsula Starliner della Boeing Co. hanno dichiarato mercoledì dalla Stazione Spaziale Internazionale di essere fiduciosi che il veicolo spaziale possa riportarli a casa una volta che la compagnia e la NASA risolveranno i problemi di propulsione che li hanno tenuti nello spazio molto più a lungo del previsto.

“Ho la sensazione che questa nave ci porterà a casa senza alcun problema”, ha detto l’astronauta della NASA Sunita “Sonny” Williams durante la prima conferenza stampa dell’equipaggio di prova da quando è attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale più di un mese fa.

Williams e Barry “Butch” Wilmore, entrambi astronauti veterani della NASA ed ex piloti collaudatori della Marina americana, si lanciarono sullo Starliner dalla Florida il 5 giugno e attraccarono il giorno successivo alla Stazione Spaziale Internazionale, dove inizialmente avrebbero dovuto trascorrere circa otto giorni.

Diversi problemi con il sistema di propulsione dello Starliner portarono a prolungare indefinitamente la sua missione. Cinque delle 28 manovre di propulsione dello Starliner fallirono durante il volo verso la stazione, una valvola di propulsione non si chiuse correttamente e furono osservate cinque perdite di elio, utilizzato per pressurizzare i propulsori.

“Siamo assolutamente fiduciosi”, ha detto il signor Wilmore ai giornalisti. “Questo è lo slogan che ho sentito, il fallimento non è un’opzione.

“Ecco perché resteremo, perché lo testeremo. Questo è quello che stiamo facendo”, ha aggiunto Wilmore, riconoscendo che le indagini in corso della NASA e della Boeing sui test dei dispositivi di propulsione sulla Terra sono la chiave del loro successo. Indietro.

L’attuale missione di test è l’ultimo passo di Boeing prima che la navicella spaziale possa ottenere la certificazione della NASA per i voli di routine degli astronauti e diventare la seconda capsula orbitale statunitense insieme alla Crew Dragon di SpaceX, che ha dominato il mercato emergente del volo spaziale umano a causa dei ritardi nello sviluppo dello Starliner.

READ  Scopri le 5 migliori vendite flash Amazon per iniziare la settimana!

Processi nel Nuovo Messico e in Alabama

Per capire perché alcuni booster si sono surriscaldati e hanno smesso di funzionare durante un volo Starliner verso la Stazione Spaziale Internazionale, i funzionari della NASA e gli ingegneri Boeing hanno iniziato a testare booster identici al White Sands Rocket Range nel New Mexico per cercare di replicare questi incidenti.

Nel frattempo, un’indagine presso il Marshall Space Flight Center della NASA in Alabama mira a determinare il motivo per cui l’elio è fuoriuscito da un tipo di sigillo nel sistema di propulsione dello Starliner.

Il ritorno sulla Terra di Willmore e Williams a bordo dello Starliner dipende dai risultati dei test di propulsione, secondo i funzionari della NASA.

Steve Stich, capo dell’equipaggio commerciale della NASA, ha detto mercoledì ai giornalisti che “stiamo prendendo il nostro tempo” con i test e che i risultati dei test di propulsione nel New Mexico “non sono proprio quelli che speravamo”.

Il signor Stitch ha detto che spera che i test vengano completati entro la fine di questa settimana. Stitch in precedenza aveva affermato che i test potrebbero durare “alcune settimane” e sarebbero stati seguiti da un esame dettagliato dei dati da parte della NASA per informare la decisione dell’agenzia di consentire al veicolo Starliner di riportare a casa gli astronauti.

Anche la capsula Crew Dragon di SpaceX, che ha trasportato quattro astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale a marzo, e la capsula russa Soyuz, che ne ha trasportati altri tre a settembre, hanno attraccato alla stazione spaziale. Il signor Stitch ha riconosciuto che almeno uno di quei veicoli potrebbe riportare a casa Wilmore e Williams.

“Abbiamo più tempo per rivedere i dati e decidere se il piano di rimpatrio deve essere modificato”, ha affermato Stitch. “Ma la prima opzione di oggi è rimettere Butch e Sonny sullo Starliner e al momento non vediamo alcun motivo per cui ciò non dovrebbe accadere.

READ  A Mercieve, la startup di Waterloo che vuole curare il mondo con la realtà virtuale

Lo Starliner può rimanere attraccato alla ISS per 45 giorni – che corrisponde al 21 luglio – o fino a 90 giorni utilizzando vari sistemi di backup e a seconda dello stato delle sue batterie agli ioni di litio, che hanno sollevato preoccupazioni in passato.

Sebbene la NASA e la Boeing abbiano affermato che lo Starliner è in grado di riportare gli astronauti sulla Terra in caso di emergenza sulla Stazione Spaziale Internazionale, alla capsula non è consentito tornare a casa in normali circostanze non di emergenza fino a quando i problemi con i suoi propulsori non saranno stati risolti o Meno si capisce meglio è.

Il mese scorso, un satellite russo ha fatto a pezzi circa 180 detriti vicino all’orbita della stazione spaziale e ha costretto gli astronauti a tornare sui loro vari veicoli spaziali, tra cui Willmore e Williams che erano saliti a bordo dello Starliner, per prepararsi a una possibile perdita. Boeing ha citato questo evento come un esempio della capacità dello Starliner di tornare a casa quando assolutamente necessario.

Mark Nappi, direttore dello Starliner della Boeing, ha detto ai giornalisti che un simile scenario di ritorno di emergenza comporterebbe semplicemente lo sgancio dello Starliner dalla stazione e il ritorno dell’equipaggio sano e salvo sulla Terra, nonostante le domande sull’hardware di propulsione.

“Sono fiducioso che se avessimo un problema con la ISS, potremmo salire a bordo della nostra navicella spaziale, staccarci dalla stazione, parlare con il nostro team e trovare il modo migliore per tornare a casa”, ha detto Williams.