Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli alti prezzi dell’elio mettono sotto pressione ospedali e ricerca – rts.ch

Come conseguenza poco nota della guerra in Ucraina, il prezzo dell’elio utilizzato dall’industria, dalla ricerca e dagli ospedali è salito alle stelle negli ultimi mesi. Da 17 franchi prima della crisi, oggi un litro può arrivare a 100 franchi sul libero mercato.

Questo aumento dei prezzi sta mettendo sotto pressione gli ospedali e il settore della ricerca.

Pertanto, l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN) di Ginevra utilizza l’elio (un prodotto derivato dall’estrazione del gas naturale) per raffreddare più di 1.000 magneti che costituiscono l’acceleratore di particelle più potente del mondo.

Questo “ha bisogno di gestire almeno 130 tonnellate di elio, ma con il suo design e il modo in cui opera, le sue perdite sono relativamente basse al 10%”, ha spiegato Frédéric Ferrand, responsabile della fornitura, lunedì a La Matinale.

“Dobbiamo rifornire l’elio ogni anno e abbastanza regolarmente per mantenere lo stock necessario per far funzionare il dispositivo. Il mercato dell’elio nel 2023 è ancora molto incerto”.

Il CERN teme per la sua fornitura nei prossimi mesi, nonostante la solidità dei contratti siglati con diversi fornitori, sia in Svizzera che in particolare a livello internazionale.

Anche negli ospedali

La tensione è grande anche da parte degli ospedali che utilizzano questo gas per evitare il surriscaldamento delle macchine per la risonanza magnetica, oltre che nell’ambito delle analisi mediche.

Se c’è davvero una carenza acuta, gli ospedali avranno ovviamente la priorità, ma il prezzo elevato di questa risorsa può aumentare il prezzo dei servizi.

Al momento le scorte sono garantite per i prossimi 12 mesi presso HUG a Ginevra. Al CHUV la situazione è più grave: le riserve dovrebbero coprire solo i prossimi tre mesi.

READ  Preparare pala e raschietto: sta arrivando la prima neve

sistema di riciclaggio

C’è un modo per recuperare l’elio, ma richiede un’infrastruttura molto grande. Attualmente nella Svizzera romanda solo l’EPFL ha istituito questo sistema di riciclaggio.

Si tratta di un’enorme rete di tubi sotterranei che collegano le varie macchine al centro di recupero. Questa iniziativa di riciclaggio è stata lanciata dopo la prima crisi causata dagli attentati del 2001.

Questi attacchi “hanno generato una crisi così globale nella fornitura di elio che tutte le ricerche all’EPFL e in molte altre istituzioni e aziende hanno dovuto essere vietate per diversi mesi”, spiega Stefano Alberti, all’origine di questa iniziativa di riciclaggio. “Ecco perché, dopo qualche anno, l’EPFL ha deciso di investire per avere un sistema in grado di recuperare l’elio per averlo sempre disponibile”.

Richieste Speciali

In questo momento “la crisi ci costringe ad essere in modalità razionamento. Questo sistema permette di avere una sorta di riserva tampone che ci permette di superare le crisi, di garantire la continuità delle consegne e allo stesso tempo di offrire prezzi vantaggiosi e competitivi sul mercato”, ha aggiunto Stefano Alberti.

Al momento, l’elio riciclato dell’EPFL viene venduto ai partner del sito. Ma la scuola ha già ricevuto candidature sia da aziende pubbliche che private.

Infatti, la domanda è attualmente molto forte nel campo dei semiconduttori, ma anche nel campo della tecnologia per raffreddare i data center che funzionano costantemente a pieno regime. Quindi altri sistemi di riciclaggio possono prosperare per soddisfare la carenza.

Sophie Iselin / Lan