Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giornalista britannico ed esperto brasiliano scomparso in Amazzonia: sospettato ammette di aver seppellito corpi

Il capo dell’autorità federale ha dichiarato in una conferenza stampa: “Ieri sera abbiamo ricevuto le confessioni del primo sospettato arrestato (…), che ha raccontato in dettaglio come è stato commesso il crimine e ci ha detto dove sono stati seppelliti i corpi”. La Polizia di Stato di Amazonas, Eduardo Alexandre Fontes, che ha indicato che l’indagato ha confessato di aver partecipato al “delitto”, ma senza precisare il suo ruolo.

Ha aggiunto: “Gli scavi sono stati effettuati nel sito e gli scavi continueranno, ma sono stati trovati resti umani”.

“Una volta che saremo in grado di verificare, grazie all’esperienza, che si tratta effettivamente dei resti dei corpi di Dom Phillips e Bruno Pereira, verranno restituiti alle famiglie”.

Poche ore prima di questo annuncio, le telecamere hanno filmato uno dei due sospetti arrestati mentre lasciava una stazione di polizia per essere portato in barca sul luogo delle perquisizioni della polizia.

Il primo sospetto, Amarildo da Costa de Oliveira, un pescatore di 41 anni soprannominato “Pelado”, è stato arrestato il 7 giugno. Testimoni hanno detto di averlo visto passare ad alta velocità su una barca che viaggiava nella stessa direzione di quella di Dom Phillips e Bruno Pereira, prima che scomparissero.

Il secondo sospetto, Osini da Costa de Oliveira, noto come “Dos Santos”, è stato arrestato martedì “con l’accusa di coinvolgimento nel caso”, secondo la polizia federale.

E le autorità hanno annunciato, domenica, di aver ritrovato gli effetti personali delle persone scomparse.

Il giornalista britannico ed esperto brasiliano è stato visto l’ultima volta il 5 giugno, durante una spedizione nella regione della Javari Valley.

READ  Guerre en Ukraine: reprise des pourparlers en Turquie, voici ce qui pousserait la Russie à datore di lavoro l'arme nucléaire