Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gerard Pullens dopo il Gran Premio: “Devi smettere di arrampicarti quando vai a 60/70 km/h!”

Gerard Pullens dopo il Gran Premio: “Devi smettere di arrampicarti quando vai a 60/70 km/h!”

Jasper Phillipsen Ha vinto senza discussioni questo mercoledì a Schoten per la 111a edizione del Gran Premio della Schelda. Come dopo ogni gara, Rodrigo Benkins ha rivolto a Gerard Bullens alcune domande, questa volta eccezionalmente quattro. Una gara dalla quale il nostro consulente ha conservato positività soprattutto per quanto riguarda il vincitore di oggi, ma anche negatività con Dylan Groenewegen.

Troppo veloce Philipsen o la sua fortissima squadra? “Penso che queste siano le due cose importanti. È molto veloce nello sprint, ancora giovane a 25 anni, ma ha anche una squadra intorno a lui con ragazzi che stanno andando alla grande, quindi non ci sono errori di posizionamento. Appena un’altra squadra prova a salire c’è l’accelerazione, abbiamo visto Van der Poel, abbiamo visto Sinkeldam, abbiamo visto Tamino a un certo punto. Per citare solo quelli. Ricart come l’ultimo pesce sperimentale. E il risultato finale significa che non possiamo rimetterlo insieme.

Quanto è importante questo terzo posto per Marco Cavendish ? “Per lui, sta costruendo fiducia. Senza dubbio. In termini di fiducia che abbiamo riposto in lui in questa squadra dell’Astana per quello che sarà senza dubbio il suo ultimo contratto e che i suoi progressi, dato che non è stato eccezionale fino ad allora, gli permettono di continuare a vincere quest’anno e francamente, con la gara di oggi consegnata due volte, penso che continuerà a vincere gare quest’anno. E inoltre, glielo auguro. “

Tuttavia, grande azione da Lotto Dstny per tutto il giorno Caleb Ewan Non posso permettermi una ruota Jasper de Buestlo stesso con Tim Declerq Versare Fabio Jacobsen, due dei piloti sarebbero saliti sul podio, cosa succede? “Abbiamo visto che il team Lotto Dstny stava andando bene fino al momento in cui De Buyst si è accorto che il leader non era più al volante. Secondo le immagini del cielo, penso che non sia più a suo agio negli sprint. Quando si arrampica un po’, ha un po’ di paura, della caduta che ha attraversato, il che è comprensibile. Per quanto riguarda Jacobsen, forse è un po’ diverso. Non torniamo in autunno al Giro di Polonia che sicuramente avrà avuto un po’ di bava in testa, come lo sono tutti i velocisti della sua epoca. Ma penso anche che a un certo punto fosse fuori luogo, sono rimasti sorpresi. Bert van Lerburgh ha fatto tutto il necessario per riportarlo indietro, ma lo sforzo è stato ripagato automaticamente e quindi non è in gioco.. “

READ  La federazione potrebbe dare la caccia al successore di Karel Geraerts per la Pro League... ma ha un grosso problema

Non amavi davvero Gronewegen? “No, perché quando corri a 60/70 chilometri all’ora, e stai ancora lottando, secondo me dovresti fermarti. C’è un sistema video per rivedere le foto. Dovrebbe avere un’ammonizione, un cartellino giallo e se non capisce, un cartellino rosso.