Cronaca EVIDENZA video

Genova, bilancio fermo a 38 morti e 16 feriti. Governo avvia revoca concessione.

Conclusa la seconda notte di ricerche. Nessun disperso ritrovato. Il bilancio ufficiale delle vittime è fermo a 38 morti e 16 feriti di cui 9 in codice rosso. Ieri Consiglio dei Ministri straordinario in Prefettura a Genova: stanziati 5 milioni di euro.

Genova. Sono proseguite per la seconda notte consecutiva le ricerche di eventuali ulteriori vittime tra le macerie del ponte Morandi crollato il 14 agosto nel capoluogo ligure. Le squadre Usar e cinofile dei Vigili del Fuoco hanno lavorato ininterrottamente, ma non sono stati nè individuati nè recuperati altri corpi. Il bilancio ufficiale delle vittime resta quindi fermo a 38 mentre i feriti sono 16, di cui 9 in codice rosso.

I lavori dei Vigili del Fuoco si stanno concentrando in particolare sotto le macerie del pilastro che sosteneva il ponte e nella zona della ferrovia, entrambe sull’argine sinistro del Polcevera. Prima con le gru vengono rimossi pezzi di cemento più grandi e poi le squadre Usar verificano l’eventuale presenza di auto o persone.

Di fondamentale importanza per la pianificazione di una viabilità locale alternativa è il lavoro svolto dal Centro operativo per la viabilità che opera presso il Centro Coordinamento Soccorsi di Genova. Autostrade per l’Italia ha disposto percorsi sostitutivi per bypassare la chiusura della A10 Genova-Savona, tra il bivio per la A7 Milano-Genova e Genova Aeroporto, in entrambe le direzioni.

Ieri Consiglio dei Ministri straordinario presso la Prefettura di Genova. Presenti il Presidente Giuseppe Conte, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini ed il Ministro Danilo Toninelli.

L’esecutivo Conte ha optato per uno stanziamento di cinque milioni di euro, la dichiarazione dello stato di emergenza per 12 mesi, un giorno di lutto nazionale. Al termine della riunione, il presidente del Consiglio conferma l’intenzione del governo di non attendere le verifiche sul crollo ma di avviare subito “la procedura per la revoca della concessione alla società Autostrade, perché non c’è dubbio che non ha adempiuto ai suoi obblighi”.

Piange Torre del Greco, trovati morti i quattro ragazzi inizialmente dispersi.

I corpi di quattro ragazzi di Torre del Greco sono stati ritrovati dai Vigili del Fuoco fra le macerie del ponte Morandi di Genova. Matteo Bertonati, Giovanni Battiloro, Gerardo Esposito e Antonio Stanzione, tutti tra i 19 e i 30 anni, erano in viaggio verso Nizza prima, Barcellona poi. Erano a bordo di un’auto quando si sono trovati esattamente sui quei cento metri di ponte crollati nel vuoto.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi