Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gazprom fornirà venerdì solo il 50% del gas richiesto dall’Eni italiana

Il panel italiano ha annunciato venerdì che Cosprom fornirà solo il 50% del gas richiesto da Eni, “il giorno dopo le accuse.MenzognaLanciato dal premier Mario Draghi contro la Russian Energy Company.

Eni ha presentato una richiesta di circa 63 milioni di m3. Gosprom ha annunciato che consegnerà solo il 50% di quanto richiesto“Eni ha dichiarato in un breve comunicato che le sue consegne vengono ridotte unilateralmente da Cosprom per il terzo giorno consecutivo, quindi i blocchi consegnati venerdì rimarranno gli stessi.È quasi invariato rispetto alle quantità emesse ieriGiovedì, ha aggiunto. Giovedì Eni ha già annunciato che Gosprom consegnerà solo il 65% della quantità di gas richiesta. Mario Tracy, arrivato in coda giovedì, ha descritto:MenzognaInterpretazioni avanzate dal Gosprom.

Declino sostenuto delle esportazioni di gas russe verso l’Europa

Mario Tracy, arrivato in coda giovedì, ha descritto:MenzognaInterpretazioni avanzate dal Gosprom. “Una spiegazione è la necessità di pezzi di ricambio per la manutenzione (…).“, Più”Noi, la Germania e altri (paesi) pensiamo che queste siano bugie“, Ha rimproverato.”In effetti c’è tanto uso politico del gas quanto dell’uso politico del grano“Ha condannato il blocco del grano nei porti ucraini”.Ciò ha implicazioni per il risparmio, non per il consumo immediato.“Per giustificare questi tagli, Gasprom afferma di essere stato costretto a chiudere le apparecchiature del gruppo tedesco Siemens, ma il principale consumatore di gas russo di Berlino nell’UE”, ha affermato.Decisione politica“E uno”Mi scusiDa Mosca, nel contesto delle accresciute tensioni con i Paesi occidentali a causa del conflitto in Ucraina.

READ  l'Italiano Lamont Marcell Jacobs a 100 m di Tokyo

Le esportazioni di gas dalla Russia verso l’Europa sono in costante calo da quando sono iniziate le sanzioni contro la Russia. Gazprom ha interrotto la fornitura di gas a diversi clienti europei che si sono rifiutati di pagare in rubli. A metà maggio, il vice primo ministro russo Alexander Novak ha promesso che metà delle società straniere coinvolte nell’accordo di fornitura di gas con Gazprom aveva aperto un conto in rubli in Gazprombank per onorare i loro pagamenti, ha citato Ria Novosti. Eni, società energetica italiana controllata dal 30,3% del governo, ha aperto a fine maggio un conto in Gazprombank per regolare le tariffe sulle forniture di gas russo in euro e un altro in rubli, assecondando così le richieste di Mosca. Secondo il comitato, il denaro è stato pagato in euro. L’Italia è fortemente dipendente dal gas russo perché importa il 95% del gas che utilizza, il 40% del quale proveniva dalla Russia nel 2021.