Agosto 15, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gas russo: boss francesi e italiani chiedono a Macron e Draghi di “annunciare misure impopolari”.

Le organizzazioni datoriali francesi Medef e i vertici della Confindustria italiana hanno invitato Emmanuel Macron e Mario Draghi a “dichiarare misure impopolari” per preparare l’opinione pubblica PACO SERINELLI

Martedì i capi delle organizzazioni dei datori di lavoro francesi Medef e Confindustria italiana hanno invitato Emmanuel Macron e Mario Draghi a “dichiarare misure impopolari” per preparare l’opinione pubblica a un “taglio completo” del gas russo e al conseguente aumento dei prezzi.

“E’ chiaro che non ci sarà più gas russo entro la fine di quest’anno, né per nostra scelta né per opera dei russi”, ha confermato in conferenza stampa Geoffroy Roux de Bézieux, presidente di Medef. Parigi con la sua controparte italiana nell’ambito del 4° Forum economico franco-italiano.

Ha sostenuto che “dobbiamo aumentare” i prezzi dell’energia per i consumatori e ha esortato il governo francese ad “annunciare presto misure impopolari”.

Secondo il boss di Medef, il presidente Emmanuel Macron “deve dire la verità ai nostri concittadini” e “scegliere il produttore prima del consumatore”.

“Se vogliamo tagliare il gas agli industriali, dobbiamo prepararlo a monte”, Mr.

Il boss della prima organizzazione padronale francese ha chiamato “a non sottovalutare l’impatto che cittadini e aziende possono avere in termini di moderazione”, affermando che “abbassare la temperatura negli uffici aziendali da 20°C a 19°C significherebbe una riduzione di il (loro) consumo di energia del 7%”.

Il suo omologo italiano, Carlo Bonomi, ha esortato i leader politici a fare “scelte difficili” per “trovare soluzioni concrete ai problemi che dobbiamo affrontare”.

Il boss di Confindustria ha avvertito che “potremmo considerare una riduzione totale” delle forniture di gas russe. Prima di aggiungere: “Bisogna agire in fretta”, pur ammettendo che “le risposte (da fornire) non sono facili perché non ci sono problemi”.

READ  le Salon de Torino per la trazione

Tra le soluzioni proposte, il Sig. Bonomi ha sottolineato. La presenza della Cina”.

“Anche il nucleare giocherà un ruolo fondamentale”, ha detto.