Ambiente Associazioni Campania

Frutta e verdura, Coldiretti: per 4 italiani su 10 la spesa è a km 0

a km 0

Più di 4 italiani su 10 (43%) nel 2016 hanno preferito la cosiddetta spesa a km 0, presso i mercati degli agricoltori.

È quanto emerge dall’indagine Campagna Amica su dati Ipr marketing presentata a Roma. In Campania i mercati in vendita diretta degli agricoltori sono ormai una realtà consolidata. Sono trenta gli appuntamenti stabili in regione, con i cinque capoluoghi coinvolti.

La parte del leone la fa ovviamente Napoli, dove sono venti i mercati di Campagna Amica. Proprio da Napoli arriva la solidarietà per gli agricoltori di Roma sfrattati dal Circo Massimo, attraverso l’adesione alla petizione su change.org #ilmercatononsitocca
L’83% degli italiani – continua la Coldiretti – considera l’acquisto di prodotti alimentari direttamente nei mercati degli agricoltori sicuro con una percentuale che è superiore del 23% rispetto ai supermercati e del 15% rispetto al dettaglio tradizionale. Non è un caso – precisa la Coldiretti – che l’81% degli italiani se fosse libero di scegliere preferirebbe comperare la frutta direttamente dagli agricoltori e l’88% degli italiani vorrebbe avere un mercato vicino a casa per avere più possibilità di scelta ed acquisto.

I mercati degli agricoltori vengono scelti per trovare prodotti locali del territorio, cosiddetti a chilometri zero, messi in vendita direttamente dall’agricoltore nel rispetto della stagionalità dei prodotti in alternativa ai cibi che devono percorrere lunghe distanze con le emissioni in atmosfera dovute alla combustione di benzina e gasolio. Gli effetti positivi per i consumatori si fanno sentire anche sugli sprechi che vengono ridotti per la maggiore freschezza della frutta e verdura in vendita che dura anche una settimana in più, non dovendo rimanere per tanto tempo in viaggio.

Complessivamente la rete di Campagna Amica – spiega la Coldiretti – è composta da 9030 fattorie, 1135 mercati, e 171 botteghe, cui si aggiungono 485 ristoranti, 211 orti urbani e 34 punti di street food, dove arrivano prodotti coltivati su circa 200mila ettari di terreno.

“Dal patto con il consumatore ai mercati di Campagna Amica – spiega Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania e vicepresidente nazionale – è cambiato il mondo. Grazie anche alle battaglie di Coldiretti è cambiata la cultura del consumo, più attenta alla qualità, al legame con il territorio, alla tutela dell’ambiente, alla responsabilità sociale. Comprare direttamene dagli agricoltori è un atto di fiducia e di amore per la propria terra, un sostegno all’economia e all’occupazione locale. Per i cittadini i mercati contadini sono diventati non solo luogo di consumo ma anche momenti di educazione, socializzazione, cultura e solidarietà”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi