Agosto 13, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Francia: ‘Grande incendio’ colpisce Garde, ‘villaggio salvato dai vigili del fuoco in casi estremi’

I vigili del fuoco si stavano preparando a combattere per tutta la notte contro un violento incendio a North Gard giovedì, al termine di una giornata segnata da numerosi incendi in questa sezione e nelle vicine Bouches-du-Rhone, a causa di “condizioni meteorologiche estreme”.

In prima serata il fuoco è prevalentemente “In uno sviluppo molto sfavorevole”, “In fitta vegetazione”, in direzione del remoto villaggio di Bordezak, nella catena montuosa del Sevin, a nord del Gard, che ha allarmato i servizi di emergenza. L’incendio è scoppiato intorno alle 17:00 e l’incendio ha già colpito da 400 a 500 ettari intorno alle 20:00, secondo i vigili del fuoco.

“Questo fuoco, come si dice, è un fuoco enorme”ha spiegato all’AFP, il comandante Tanguy Sigalis, responsabile delle comunicazioni dei vigili del fuoco del Gard.
“È una situazione molto sfavorevole e molto critica nella regione, perché i venti non si calmano e non si calmeranno domani! Il capo dei vigili del fuoco ne ha paura. Durerà stanotte e per diversi giorni..


Alle 20:00 i vigili del fuoco hanno consigliato i residenti di Besig e Gagnaire ‘Rimangono chiusi nelle loro case’Ricordandolo “Solo i servizi di sicurezza decidono l’evacuazione”.

Questo ordine di evacuazione aveva già preso di mira una trentina di residenti del piccolo villaggio di Bordezak, “Sicuro in un ristorante” Da una città vicina, Jean Rampon, il vice governatore di Alice, ha detto alle forze di polizia armate dei vigili del fuoco di Bessig.

“Una casa è andata a fuoco e il villaggio è stato malamente salvato”

“Una casa bruciata e i vigili del fuoco del villaggio soccorsi in casi estremi”, Identifica il signor Rampon che ha testimoniato davanti al vento “È ancora furbo, soffia da sud a sud-est ma a volte cambia direzione.”

Già giovedì sera sono stati mobilitati sul sito 150 vigili del fuoco, in attesa di altri 350 rinforzi. Sono state mobilitate anche importanti risorse aeree, con 6 kandar e due dash.

READ  Guerra in Ucraina: la Russia punta sul Donbass e sotto attacco a Kharkiv

Un altro incendio è proseguito giovedì sera nel distretto Gard di Generac, nel sud della provincia. Di fronte a questo incendio, che ha coperto 150 ettari di bassa vegetazione e pini, sono state mobilitate 50 macchine e 120 uomini.

È stato nel territorio di questo stesso comune di Générac che il pilota del Tracker 22 ha perso la vita nell’agosto 2019 mentre combatteva un violento incendio che ha distrutto 800 ettari di vegetazione.


Almeno 35 incendi scoppiano durante il giorno a Bouches-du-Rhône

Nel vicino dipartimento Bouches-du-Rhone, i vigili del fuoco hanno dovuto affrontare almeno 35 incendi durante la giornata. e in particolare ad Arles, verso mezzogiorno, con un fuoco di canne e ramoscelli in una zona commerciale.

Spinto dal possente Maestrale, l’incendio si è propagato rapidamente per saltare finalmente la National 113, uno snodo strategico che assicurava l’intersezione dell’autostrada A54 tra Nimes e Marsiglia, tagliandola in entrambe le direzioni.

Alle 20:00 l’incendio è stato riparato e RN113 è stato in grado di riaprirlo. Sul posto sono comunque rimasti i vigili del fuoco. “annegare e guardare”Lo hanno spiegato all’Afp, ma non temono più riprese di riprese. Quattro case sono state bruciate, secondo un primo rapporto di soccorso, e altre quattro sono state danneggiate.

A fine giornata è scoppiato un altro incendio “finire”Secondo i vigili del fuoco di Bouches-du-Rhône, a Martigues, dove un incendio nella regione di Escaillon ha causato il confinamento dei residenti e l’evacuazione temporanea dei residenti della casa di cura.

In un dipartimento che soffre di una grave siccità e in previsione di forti venti, giovedì i 500 vigili del fuoco di Sdis13 sono stati rinforzati con altri 450 uomini, hanno detto.

READ  Negli Stati Uniti un cane poliziotto porta dal padrone ferito

Le tempeste hanno raggiunto gli 85 km/h giovedì a Bouches-du-Rhône quando la prefettura ha bloccato l’accesso a 25 massicci nella sezione, dal Parco nazionale dei torrenti alle Alpilles, molto vicino ad Arles. Per venerdì rimarranno chiuse solo sei montagne.