Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Wolff: Hamilton e Russell in pericolo a bordo della F1

Il capo della Mercedes F1 Toto Wolff ha ammesso che la W13, che è stata duramente colpita da focene e salti, era pericolosa da guidare per i suoi piloti Lewis Hamilton e George Russell.

Parlando dopo un incontro tra i team manager questa mattina a Montreal, il leader austriaco era chiaramente sconvolto. Ha affermato che mentre le discussioni attuali ruotano attorno alla politica e alle prestazioni di tutti, la sua preoccupazione principale era la salute dei suoi piloti.

“A volte ti arrabbi,” Il lupo ha spiegato. “Penso che quello che abbiamo visto a Baku, e anche qui, sia che ogni pilota di ogni squadra, comprese le big, abbia un rimbalzo o una rimonta.

Sergio Perez ha detto che aveva la vista offuscata.

“È giusto che abbiamo lotte politiche per l’aumento delle prestazioni, ma alcuni di noi prendono le cose alla leggera quando si tratta di salute dei passeggeri”.

“Penso che guidare queste auto a Baku sia molto pericoloso, tutti hanno sofferto”.

“Potevi vedere che la linea di fondo sulla linea retta era molto pericolosa. L’abbiamo visto anche qui”.

Wolff, che si è scusato con Hamilton per “M **** Mercedes” Che ha dovuto guidare a Baku, vuole insistere sul fatto che solo la macchina è in questione, e i piloti non hanno nulla da rimproverarsi per questa stagione.

“Penso che abbiamo frainteso quello che ci aspettavamo in termini di aderenza meccanica e carico aerodinamico. La nostra macchina è troppo bassa”.

“Penso di dire solo quello che pensiamo tutti. Tutti nella squadra sanno che non abbiamo fatto un lavoro abbastanza buono collettivamente”.

“Voglio solo supportare il pilota, perché sta guidando un’auto pericolosa, che non va veloce”.

READ  DeWast: "Ho colpito le natiche di Morello per dargli fastidio, ha funzionato"

“Volevo solo assicurarmi che tutti sapessimo che la domanda non è l’abilità del pilota. È l’auto. Non stiamo facendo il nostro lavoro in questo momento, lo è”.