Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Wolf discute degli attacchi di Horner al suo “esilio fiscale”: “Che idiota”

In un’intensa intervista al New Yorker, Toto Wolff è tornato sulle enormi tensioni attraversate la scorsa stagione, e in particolare sul suo duello atletico e psicologico con il suo omologo di Milton Keynes, Christian Horner.

Questa rivalità è fatta di colpi bassi e attacchi di personaggi, e lo sappiamo… soprattutto quando lo scorso marzoDopo una stagione di scontri, Christian Horner ha ricordato che non stava guidando la sua squadra da un “paradiso fiscale” (Horner afferma tra le righe che Toto Wolff sarebbe rimasto, come molti piloti, a Monaco).

In passato, Christian Horner ha anche paragonato Toto Wolff a Signora pantomima O per un finanziere che ha ereditato una squadra in posizione favorevole.

Ma è chiaro che l’attacco all'”esilio fiscale” a Monaco è quello che ha scioccato di più Toto Wolff.

In The New Yorker, spiega come si sentiva all’epoca riguardo a Christian Horner…

“È l’emozione che prende il sopravvento e dice: ‘Che fottuto idiota’. Ma forse non lo era!”

Poi Toto Wolff si calma e sorride anche lui, paragonando Christian Horner ad A “Il fox terrier che non smette di abbaiare”.

“È molto semplice…”

“È un maschio alfa. Vuoi picchiare l’altro ragazzo. È troppo vecchio.”

Il sapore amaro della sconfitta

Le tensioni tra Mercedes e Red Bull sono arrivate al culmine durante il Gran Premio di Abu Dhabi dello scorso anno.

Toto Wolff ha assorbito emotivamente quella che considera ancora una grande ingiustizia?

“Quante ingiustizie si verificano ogni giorno nel mondo, su scala terribile, tragedie umane…?”

Trovo pace con me stesso. »

Come se non bastasse, Toto Wolff deve affrontare anche la delusione tecnica e sportiva del Campionato W13, che quest’anno sta faticando.

READ  Karl Hofkins sulla posizione di Vanaken: "Capisco che stia pensando alla Premier League"

Per un uomo che odia la perdita, si può immaginare che la vita di tutti i giorni non sia sempre radiosa.

“Io sopravvivo. D’altra parte, non voglio sentirmi in quel modo.”

“È raro che torni da una gara del fine settimana in cui hai vinto e dici a te stesso: Dannazione, perché abbiamo vinto? Ma, sai, è una sensazione davvero profonda quando perdi. “

“Non sono insonne. Ma, allo stesso tempo, mi spaventa di non essere insonne. Ho perso la mia ambizione? No, no, no, no, no, no, no, no, no, no. Impossibile. “

E in fondo, qual è la sua opinione su questa “diva”, W13 che quest’anno non ha ancora vinto?

“A quel tempo, la odiavo”.

Un giorno si accontenterà di un terzo o quinto posto, anche se la Mercedes avanza tecnicamente l’anno prossimo o alla fine dell’anno?

“No. Lo sport è molto onesto e a volte le cose non vanno veloci come vorresti”.