Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Peres ridiscuterà “internamente” la strategia “sleale”

“Ne parleremo più tardi”. Subito dopo l’arrivo a Barcellona, ​​Sergio Perez non ha nascosto il suo malinteso sulla strategia di squadra applicata dalla Red Bull.

Caldo alla radio, quando gli è stato ordinato di permettere al suo capitano, Max Verstappen, di lasciare anche Sergio Perez: “Non è giusto, ma va bene”.

La Red Bull aveva davvero in programma di avere due strategie sovrapposte (ha confermato Max Verstappen)? Sergio Perez aveva promesso che Max Verstappen lo avrebbe lasciato passare se non avesse superato lo stesso George Russell (o più avanti in gara)? La Red Bull ha negato a Sergio Perez una potenziale vittoria giocando per il campionato e quindi ha riportato Perez al secondo posto?

Tutte queste domande possono essere riassunte in una semplice domanda: la Red Bull è pronta a fare di Sergio Perez il suo gregario numero 2?

Lo stesso Sergio Perez non è andato lì per quattro strade: gli è stato promesso che Max Verstappen lo avrebbe lasciato stirare, quando lo stesso Checo ha cancellato. Promessa non mantenuta. Ma la Red Bull aveva una scelta nel torneo?

“Beh, nella prima missione, quando ho lasciato passare Max, mi è stato detto che avrei ripreso la posizione. E sapevamo che avevamo strategie diverse. Quindi, quando sono tornato da Max, ho sentito che avrei potuto superarlo e forse la mia strategia ha dato maggiori possibilità di funzionare, ma alla fine si è scoperto che la strategia a tre soste era la migliore oggi.

Se la Red Bull si basa su una strategia diversa da Sergio Perez, cioè: una strategia a due soste. Il team ha cercato davvero di farlo funzionare, ma il degrado del calore è stato semplicemente troppo grande.

READ  Formula 1 | Wolff explique pourquoi Mercedes F1 continua avec le concept de la W13 actuelle

Questo è il secondo motivo della denuncia di Sergio Perez: voleva un’altra strategia e con la stessa strategia di Max Verstappen avrebbe potuto vincere.

“Beh… quello che era chiaro era che questa strategia a tre soste era migliore, quindi penso che se fossi andato in quella direzione avrei vinto la gara. E ho lavorato con Max. Penso che sia qualcosa di cui abbiamo discusso. “

“Era un bene, perché all’epoca non sapevamo quale strategia sarebbe stata la migliore. Nel primo periodo, quando ho dato la posizione a Max, quando mi è stato detto che avrei ripreso la posizione e quando ero sulla strategia per smettere di scavare… In quel momento, ho sentito che avrei potuto far passare Max e George un po’ prima per cercare di far funzionare la strategia, ma probabilmente non era abbastanza.

Sergio Perez ora vuole discutere queste polemiche internamente alla Red Bull… perché gli si può ricordare che è meglio che il suo futuro si metta al servizio di Max Verstappen.

“Ma è comunque un ottimo risultato di squadra, la stagione è ancora molto presto e sì, la dinamica della squadra è eccellente. Quindi dobbiamo solo discutere internamente di alcune cose”.

“Ma sì, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Ad ogni modo, posso dire che l’atmosfera nella squadra, lo slancio che abbiamo, è enorme, non come qualsiasi altra squadra, quindi sono contento di questo”.

Dobbiamo rimanere positivi su Sergio Perez: è salito sul primo podio in Spagna e ha ottenuto risultati molto forti.

“Sì, è stato fantastico. Il mio primo podio qui in Spagna. Ovviamente hanno due piloti davvero bravi, i piloti spagnoli, ma posso dire che probabilmente sono terzo in termini di supporto qui perché ogni anno è stato fantastico. E salire sul podio Per la prima volta è una buona cosa e anche un buon risultato di squadra, abbiamo colto le nostre possibilità e siamo molto contenti”.

READ  OHL riporta Saint-Gilloise sulla Terra