Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Maiale: È questione di tempo prima che si verifichi un grave incidente

Un argomento caldo in inverno, la focena non ha fatto notizia in Formula 1 nelle ultime settimane. Le squadre sono riuscite a contenerlo e i piloti sembrano essersi abituati. Ce lo ha persino detto George Russell in un’intervista a margine del Gran Premio dell’Azerbaigian Soffriva meno per questo fenomeno.

Ma i primi due giorni del Gran Premio dell’Azerbaigian hanno sollevato serie preoccupazioni al riguardo. Le vetture hanno spinto forte in linea retta ei piloti si sono lamentati sia dell’impatto fisico che della perdita di controllo. Anche Presidente della Pilots’ Association (GPDA), Russell ha una voce forte in materia e teme un grave incidente.

“È solo questione di tempo prima che si verifichi un grave incidente e molti di noi riescono a malapena a tenere l’auto in posizione verticale su questi dossi”. ha detto Russel. “Facciamo le ultime curve a 320 km/h, sfreghiamo il pavimento e si vede sull’asfalto quanto sono vicine al suolo le auto.

“La Formula 2 è nella stessa situazione, hanno una filosofia simile. Ma le tecnologie che abbiamo sono inutili, sembra superfluo far girare un’auto di F1 a pochi millimetri da terra, ed è una ricetta per il disastro”.

Russell mette francamente in dubbio la fattibilità a lungo termine di queste auto, mentre i team lottano per risolvere il problema: “Non so cosa riserverà il futuro, ma non credo che potremo sostenerlo per tre anni, o per quanto durerà questo regolamento”.

Anche il suo compagno di squadra, Lewis Hamilton, teme che un giorno possa causare un grave incidente. Il sette volte campione del mondo ammette che è difficile da fare “Tieni questa cosa fuori dal muro nelle curve veloci. Può diventare un problema di sicurezza”.

READ  Avendo avuto ragione nel 2014 e nel 2018, uno studio prevede la Coppa del Mondo 2022

“Oggi scende molto nelle curve dove si va a 300 km/h e non c’è molto che puoi fare per evitarlo. Non saremo in grado di ottenerlo per quattro anni con questa macchina, quindi penso che dovrebbero lavorarci su per il futuro. Tutti i piloti. Ne hanno parlato”.

I piloti Alpine F1 sono d’accordo con i piloti Mercedes

Russell e Hamilton non sono gli unici a lamentarsi delle focene e del disagio in queste vetture. Fernando Alonso non apprezza la mancanza di stabilità e scorrevolezza delle vetture, e attribuisce l’intensità del fenomeno al circuito azero.

“E’ il peggiore che ho guidato in 20 anni. Penso che sia in linea con questo circuito, che era già pieno di dossi sui rettilinei con le auto, e quest’anno è stato superato”. Lo spagnolo ha spiegato. “La situazione a Jeddah era tranquilla e nessuno si lamentava in Australia”.

Alonso teme che i piloti dovranno guidare per molti anni in queste condizioni: “Sarà difficile per i team”. [de changer cela]. Ma spero che facciano qualcosa per i piccoli piloti. Per me passeranno alcuni anni”.

Esteban Ocon, compagno di squadra di F1 alpino di Alonso, è d’accordo con l’opinione generale. Il francese si accorge che il suo A522 ‘Non tra i peggiori’ Singoli posti in rete, ma lo garantisce “È ancora un disastro guidare su un circuito accidentato”.

“Non è così accidentato, quando vai a Montreal o Singapore ti farà male. Dobbiamo cercare di rendere le macchine più divertenti da guidare, perché qui dobbiamo evitare i dossi e puoi vedere l’auto che tira da una parte, tutto dritto, quindi è al confine”.